Abruzzo, il cittadino Vacca (M5s) contro De Frenza (Il Centro):”Pillole di ‘grande giornalismo’”

Notizie

Anche l’onorevole abruzzese ha indossato l’elmetto e cominciato a dar botte ai giornalisti locali. E che botte. Vacca ha pensato bene di portare anche in regione l’idea di Grillo di nominare il ‘giornalista del giorno’ sul suo blog. E i numeri, di visite, gli danno ragione.

Anche l’onorevole abruzzese ha indossato l’elmetto e cominciato a dar botte ai giornalisti locali. E che botte. Vacca ha pensato bene di portare anche in regione l’idea di Grillo di nominare il ‘giornalista del giorno’ sul suo blog. E i numeri, di visite, gli danno ragione.

L’ARTICOLO

Il parlamentare, sul proprio blog, riporta l’articolo di De Frenza:”Il giorno dopo la vittoria alle primarie, Luciano D’Alfonso è, se possibile, più ecumenico del solito: aperto («sono pronto ad accogliere suggerimenti»); propositivo («ecco le mie priorità»);comprensivo («mai dichiarato guerra a una persona»), il candidato del centrosinistra alla Regione parla già da governatore. Non ha ancora la lista degli assessori (aspetta chiaramente i risultati del voto, perché gli assessori, tranne uno, dovrà sceglierli per forza tra gli eletti), ma sa già cosa farà la mattina dopo il voto: «Il 26 maggio mi raccoglierò in preghiera sulla tomba di un abruzzese speciale, Emilio Mattucci, il primo presidente che ha firmato una legge di programmazione regionale”. 

Le riflessioni di Vacca sono nette e taglienti:”L’Italia è, secondo l’ultimo rapporto, 57a nella classifica mondiale sulla libertà di stampa. Il Centro – continua Vacca –  fa parte del gruppo L’Espresso di Carlo De Benedetti, imprenditore legato indissolubilmente al PD tanto da averne la presunta tessera n. 1″.

Vacca prosegue:”D’Alfonso è stato prescritto per il reato di finanziamento illecito ai partiti; ha due procedimenti giudiziari aperti: inchiesta Mare-Monti (rinvio a giudizio) e il secondo grado del processo Housework

Le inchieste hanno svelato una serie di vicende che riguardano le operazioni finanziarie di D’Alfonso e dei suoi parenti (movimenti di contanti), i suoi rapporti molto stretti con Toto con i relativi viaggi pagati dall’imprenditore, la vicenda della pensione della zia ecc…

Il codice etico richiamato dal PD abruzzese (la Carta di Pisa) renderebbe D’Alfonso incandidabile” conclude il parlamentare”.

 

ZdO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *