Abruzzo: la Forestale arresta. Mancano solo i Vigili urbani.

Notizie

Ora anche il Corpo Forestale dello Stato sguinzaglia i suoi uomini per arrestare i malviventi che operano nella cosa pubblica. Stamattina mega retata di oltre 100 uomini delle divise verdi di Pescara, L’Aquila e Chieti per arrestare 4 persone, tra cui l’assessore regionale Pdl Luigi De Fanis. 

Alla base dell’operazione, scattata questa mattina all’alba, c’è una denuncia fatta da un imprenditore al Corpo Forestale dello Stato. L’uomo avrebbe pagato l’assessore De Fanis per poter avere in cambio fondi per manifestazioni culturali e, in particolare, per i 150 anni della nascita di Gabriele D’Annunzio. All’imprenditore, Andrea Mascitti residente a Orsogna, De Fanis avrebbe chiesto 4mila euro per se stesso al fine di fargli pervenire il contributo pubblico per il premio “Nascimbene Award”. Nell’ambito dell’organizzazione del Salone del Libro di Torino, De Fanis, avrebbe preteso una fattura gonfiata di 1000 euro da girare all’associazione Abruzzo Antico di cui De Fanis sarebbe il reale titolare. 

Gli arrestati sono:

Luigi De Fanis assessore Regione Abruzzo con deleghe alle Politiche culturali, Sanità veterinaria, Prevenzione;

Lucia Zingariello assunta nella segreteria dell’assessorato. Dal 1995 al 1999 è entrata nel Consiglio provinciale;

Ermanno Falone legale rappresentante dell’associazione “Abruzzo Antico”;

Rosa Giammarco 60enne di Pettorano sul Gizio.

Noi non entriamo nel merito della questione perché altro non siamo che blogger. Da queste parti la politica non è mai entrata e mai entrerà. Non è entrata e mai entrerà nemmeno quella spettacolarizzazione mediatica di casi di cui solo la Giustizia deve occuparsi. 

ZdO


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *