AMMANCHI COMUNE TORTORETO, IN CARCERE EX DIRIGENTE; SEQUESTRI

Notizie

La guardia di finanza di Teramo sta eseguendo un ordine di custodia di cautelare in carcere firmata dal gip del Tribunale dell’Aquila, Giuseppe Romano Gargarella su richiesta dal pm David Mancini, nell’ambito dell’inchiesta sugli ammanchi economici al Comune di Tortoreto. Le fiamme gialle di Teramo sono all’opera da questa mattina. Oltre all’ordinanza di carcerazione starebbero eseguendo dei provvedimenti di sequestro di natura economica.

La guardia di finanza di Teramo, in esecuzione dell’ordinanza firmata dal gip del tribunale dell’Aquila, Giuseppe Romano Gargarella, su richiesta del pm David Mancini, ha arrestato Pasqualino Saccuti, ex responsabile del settore economico finanziario del Comune di Tortoreto (Teramo). I reati contestati vanno dalla truffa aggravata al peculato, dall’appropriazione indebita all’accesso abusivo al sistema informatico dell’Ente ed ancora al falso ideologico e materiale. Le fiamme gialle hanno provveduto ad eseguire i decreti di sequestro per equivalente su beni mobili ed immobili oltre alle disponibilità finanziari, per 400mila euro circa. L’indagine trae origine da un episodio dello scorso anno che ha visto Saccuti coinvolto nell’acquisto di un Suv (per il quale è stato condannato a tre anni) per uso personale con le risorse finanziarie dell’ente locale per il quale lavorava prima di licenziarsi. Sempre con i soldi pubblici avrebbe acquistato beni immobili e mobili il tutto a solo vantaggio personale. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati un immobile di circa 150 metri quadrati con annessi 3 box/garage, 2 motocicli, 3 autovetture, svariate attrezzature per l’esercizio di una lavanderia automatica a gettoni di Tortoreto, quote di multiproprieta’ dislocate sul territorio nazionale, svariati beni di arredamento per interno ed esterno, molteplice materiale informatico ed elettronico, attrezzatura da fitness, orologi. Saccuti è stato rinchiuso nel carcere di Castrogno. Le indagini sono ancora in corso. Il Comune di Tortoreto, dopo la scoperta degli ammanchi, istituì due commissioni: una d’inchiesta interna ed una contabile. Sono state passate in rassegna, dal 1998 ai primi del 2012, migliaia di atti contabili dai quali sarebbe emerso un buco di circa un milione e duecentomila euro. Il Comune aveva dato mandato legale per recuperare le somme sottratte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *