Arresti ultrà: chi è il temutissimo Dino Mocciola

Notizie

Il capo incontrastato della curva della Juve, Dino Mocciola, era così  temuto che nemmeno gli ultras lo chiamavano per nome parlandone al telefono. Nelle 225mila intercettazioni captate compare solo “lui”, ” il presidente ” ,”il cane”.

Il leader dei Drughi, il gruppo più potente della tifoseria allo Juventus Stadium, è il nome più illustre tra i 12 destinatari di misure cautelari nell’operazione condotta dalla Digos di Torino e coordinata dal gruppo criminalità organizzata  della procura  di Torino.

Il suo nome, anche  quando era in carcere per aver ucciso un carabiniere durante  una rapina nel 1990, campeggiava su uno striscione  allo stadio delle Alpi “ciao Dino”. Tra gli oggetti sequestrati a casa sua, oltre a un bassorilievo di Mussolini, cui non ha mai nascosto di ispirarsi,  anche una medaglia che celebra il “Miglior capo”, regalo del tifo organizzato. La polizia  ha trovato anche una statuina del film Arancia Meccanica da cui il gruppo di tifosi prende il nome.

Pubblicità

Clicca sull’immagine

Smart Glasses sono i rivoluzionari occhiali da sole che  permettono di proteggere gli occhi e contemporaneamente ascoltare musica avendo le orecchie libere. E’ anche possibile effettuare chiamate grazie al microfono incorporato. Sono dotati di un sistema di ascolto a conduzione ossea e di tecnologia bluetooth per collegarli allo smartphone. Sono ergonomici e si adattano perfettamente al viso. L’alta capacità della batteria a litio permette fino a 4 ore di ascolto. Sono resistenti all’acqua e al sudore.

 

 

 

La sua autorità, costruita negli anni mitici del tifo ultras degli anni 70 e 80, viene confermata dalla sua vicinanza ad alcuni boss della ‘Ngdrangheta. Anche gli altri gruppi coinvolti nell’inchiesta si rimettevano alle sue decisioni: era lui a decidere a quanto e a chi potevano essere rivenduti i biglietti destinati al bagarinaggio. Chi non aveva la tessera dei Drughi pagava di più.
Tra le perquisizioni di questa mattina anche le sedi e le abitazioni private dei leader di Tradizione, gruppo torinese più numeroso dopo i Drughi, dei Viking, compagine milanese del tifo bianconero il cui  capo Loris Grancini (già in carcere per tentato omicidio), era arrivato  in passato a minacciare il titolare di una ricevitoria non compiacente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *