Berlusconi:”Accanimento giudiziario ma vado avanti”

Notizie

“Non mi arrenderò mai” ha dichiarato l’ex presidente del Consiglio parlando del nuovo processo in cui è coinvolto. “Continuerò a lavorare per questo paese”.

“Non mi arrenderò mai” ha dichiarato l’ex presidente del Consiglio parlando del nuovo processo in cui è coinvolto. “Continuerò a lavorare per questo paese”.

Secondo ‘il Giornale’ di Sallusti, a scatenare il nuovo atto giudiziario nei confronti di Silvio Berlusconi, sarebbe stato il recente accordo stipulato tra lui e il neo segretario del Pd Matteo Renzi. Il leader di ‘Forza Italia’ volerebbe al 36,8% delle preferenze. Una percentuale che porterebbe scompiglio a sinistra e per il quale, secondo il quotidiano, la magistratura avrebbe ordito il ‘Ruby ter’.

“È ripartita la crociata delle toghe per eliminarlo dalla scena politica” scrive ‘il Giornale’. Per B. non è una coincidenza il fatto che le toghe si siano fatte risentire in questi giorni appena dopo l’incontro con Matteo Renzi. “Non mi faccio da parte” ha detto Berlusconi aggiungendo che:”non l’avranno vinta nemmeno questa volta”.

Il leader di Forza Italia è sempre più convinto che un giorno, non molto lontano, sarà riconosciuta la propria innocenza. 

“Grazie a quei giudici coscienziosi e privi di animosità politica che spero sempre di trovare – ha continuato – gli italiani potranno comprendere appieno la vera e propria barbarie giudiziaria in cui l’Italia è precipitata”. “Una degenerazione dei principali capisaldi del diritto – ha, infine, concluso – che ha riservato a me e alle persone che mi stimano e mi vogliono bene un’umiliazione e, soprattutto, un dolore difficilmente immaginabili da parte di chi non vive l’incubo di accuse tanto ingiuste quanto infondate”.

 

ZdO


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *