Chernobyl: il sarcofago da abbattere

Notizie

Era il 1986 quando un incidente della centrale nucleare di Chernobyl provocò uno dei più tragici disastri nucleari.

Il 26 aprile di quell’anno il nucleo di un reattore nucleare nell’impianto si aprì durante un normale test di sicurezza, inviando pennacchi di materiale radioattivo nell’aria. L’esplosione contaminò gran parte dell’Europa, ma il sito più contaminato è stato di gran lunga il reattore abbattuto n. 4, dove si è verificato l’incidente.

Dopo appena due mesi 600mila addetti alla pulizia sovietici si misero in azione per costruire un “sarcofago” attorno al reattore per bloccare materiali radioattivi come il corio, l’uranio e il plutonio. Tra loro 31 persone sono morte per malattia acuta da radiazioni. Una copertura costituita da 400.000 metri cubi di cemento e circa 7.260 tonnellate di acciaio. Ora, le articolazioni dell’edificio nei soffitti, non essendo state sigillate bene, hanno permesso all’acqua di entrare e di corrodere la struttura.

Il sarcofago deve essere smantellato prima che precipiti.

La società ucraina che gestisce l’impianto di Chernobyl, SSE Chernobyl NPP, ha rivelato che il sarcofago aveva una “altissima” probabilità di collasso. Per questo il 29 luglio ha firmato un contratto da 78 milioni di dollari con una società di costruzioni per smantellare il sarcofago entro il 2023. “La rimozione di ogni elemento aumenterà il rischio di crollo delle pensiline che a sua volta causerà il rilascio di grandi quantità di materiali radioattivi” ha detto la società in una dichiarazione. Radioattività che non dovrebbe in alcun modo raggiungere l’atmosfera per via di un guscio di 32.000 tonnellate costruito negli ultimi 9 anni attorno al sarcofago.

La struttura è stata presentata al pubblico a luglio.

Una volta smantellato il sarcofago, verranno rimosse le scorie radioattive che ancora persistono nel reattore n. 4. Lavori che dureranno fino al 2065. Gli scienziati stimano che le radiazioni dell’incidente avranno portato a oltre 40.000 casi di cancro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *