Coca-Cola: a rischio 43 posti di lavoro

Notizie

L’azienda di Oricola vuoi riorganizzare la logistica. 

Non c’è giorno in Abruzzo che non ci siano notizie negative per ciò che riguarda il lavoro. Dopo Honda, Sevel e altri marchi importanti, anche la multinazionale Coca-Cola ha deciso di riorganizzare la logistica di uno dei suoi stabilimenti: quello di Oricola (L’Aquila). L’azienda è stata inaugurata nel 1989 e Coca-Cola HBC Italia vi opera dal 1995. Lo stabilimento occupa un’area di 49.000 mq e produce Coca-Cola, Fanta, Sprite, Nestea e Kinley nei formati PET e Bag in Box. In Italia l’azienda occupa 3mila dipendenti e, pare, che proprio l’Abruzzo sia la regione che ha pagato di più lo scotto dell’azienda. Sui sei stabilimenti ne è rimasto solo uno e, nonostante questo, la multinazionale delle bollicine vuole ancora ridurre le maestranze. La crisi comunque è generale e anche a Oriago ci sono 30 posti a rischio e in sardegna addirittura la Regione si sta impegnando per trovare gruppi imprenditoriali per salvaguardare i posti di lavoro.

Franco Pescara, della Fai-Cisl Abruzzo, a margine dell’incontro che si e’ svolto nel pomeriggio, all’Aquila, nella sede di Confindustria spiega che l’azienda è intenzionata ad andare avanti anche in modo unilaterale e in assenza di un accordo sindacale. Un atteggiamento che respingiamo con forza. E’ fondamentale salvaguardare i livelli occupazionali e il salario attuale ed evitare la perdita di posti di lavoro. Ci auguriamo che tutti dimostrino un grande senso di responsabilita’ in questa vertenza e che, prima della scadenza della procedura per l’avvio della mobilita’, si arrivi ad un accordo che soddisfi le esigenze dei lavoratori e non penalizzi lo stabilimento marsicano, che avrebbe dovuto essere rafforzato dopo la chiusura di quello di Corfinio».

 

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *