Crotone, chiudono il cane sul balcone e con un cerotto gli tappano la bocca

Notizie

Il fatto pare non interessare nessuno. L’Enpa di Crotone non interviene e i vigili urbani, più volte avvertiti, pare non siano mai intervenuti. L’appello, per salvare il cagnolone, ora corre su Facebook. Denunciate e condividete.

 

Il fatto pare non interessare nessuno. L’Enpa di Crotone non interviene e i vigili urbani, più volte avvertiti, pare non siano mai intervenuti. L’appello, per salvare il cagnolone, ora corre su Facebook. Denunciate e condividete.

 

Intanto le forze migliori del Paese si sono già messe a lavoro per salvare la povera bestia:”io son di Firenze e ho appena scritto anche al Sindaco di Crotone” scrive Giulia. Un delegato dell’Enpa di Siracusa informa:”io ho richiamato l’Enpa di Crotone e attendo risposta”.

I carabinieri, che pare già siano stati sul posto una volta, non hanno fatto nulla.”Non si tratta di maltrattamento – secondo i militari – perché i padroni sono delle brave persone”. 
Secondo i cc occorrono prove più certe, come un video mentre lo maltrattano. “È assurdo – commentano su internet – ma sembra che le foto non bastino per denuncia per maltrattamenti”.

Ci sarebbero reati tali da poter formalizzare, nei confronti dei padroni del cane, una denuncia in Procura per maltrattamenti. Sembrerebbe che, nella serata di ieri, il cane sia stato picchiato perché alcuni vicini si sarebbero lamentati per il continuo abbaiare.

Un’ora fa, intanto, la ‘Lega Nazionale per la Difesa del Cane’ di Crotone ha avvisato che sta facendo tutti gli accertamenti del caso. “Non c’è stata flagranza di reato – precisano – e invitano coloro che hanno visto l’abuso di recarsi in Questura per formalizzare la denuncia”.

L’ENPA DI CROTONE RISPONDE ALLE 14
 
“INFORMIAMO TUTTI GLI AMANTI DEGLI ANIMALI CHE IL CANE STA BENE. GODE DI OTTIMA SALUTE E NON E’ MAI STATO COSTRETTO CON IL NASTRO ADESIVO. IL CANE, COME PERALTRO AVEVA GIA’ ACCERTATO LA POLIZIA IERI SERA, NON E’ MALTRATTATO!!! TRATTASI DI UN PASTORE TEDESCO REGOLARMENTE POSSEDUTO, CON LIBRETTO VACCINAZIONI IN REGOLA E ANCHE TESSERA DEI BAGNI MENSILI. QUELLA CHE SI VEDE IN FOTOGRAFIA E’ UNA MUSERUOLA CHE E’ STATA APPLICATA AL CANE PER UN ARCO TEMPORALE RISTRETTO (per come riferito dal proprietario). PROPRIETARIO CHE NON E’ UN MAFIOSO COME QUALCUNO HA SCRITTO IN UNO DEI TANTI POST DIFFAMATORI. QUESTI I FATTI CHE SONO EMERSI DAL SOPRALLUOGO EFFETTUATO ALLE 11.00 DI QUESTA MATTINA. SE QUALCUNO HA VISTO ALTRO O HA PROVA DI ALTRO DEVE DENUNCIARE FORMALMENTE ALLE AUTORITA’, ALTRIMENTI E’ CALUNNIA E DIFFAMAZIONE GRATUITA. Prego tutti gli amanti degli animali di interessarsi con la stessa energia e determinazione ai CANILI LAGER PRESENTI IN CALABRIA CHE DETENGONO OLTRE 2.000 CANI PROVENIENTI DA OGNI PARTE D’ITALIA. Da tempo denunciamo questi lager ma i quotidiani nazionali non ci hanno mai dato spazio. Chissà che non sia la volta buona”.

L’Enpa di Crotone pare essersela presa proprio per questa denuncia fatta dai cittadini normali su Facebook. Invita, addirittura, ad occuparsi di cose più ‘serie’ come i lager per cani. Si parla, tanto per cambiare, di ‘calunnia’ e ‘diffamazione’.

ZdO




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *