Del Grosso (M5s):”O vanno a casa o mettiamo le sbarre alle finestre perché sono dei delinquenti” (Video)

Notizie

È stato l’ennesimo appuntamento in cui non è stato fatto sconti a nessuno. Dalla Boldrini definita “una incompetente” ai parlamentari “mafiosi e collusi” con un sistema tenuto in piedi grazie all’informazione. Una piazza Diaz a Montesilvano piena di simpatizzanti del Movimento, nonostante la pioggia.

Ha aperto l’Agorà Alessandro Di Battista che ha denunciato il tentativo degli ultimi governi di “svendere tutte le maggiori aziende italiane per continuare ad alimentare un sistema politico- mafioso”.

VIDEO 

http://www.youtube.com/watch?v=RRgeLUwoMnU

Per Di Battista bisogna tassare i prodotti esteri per salvaguardare la produzione italiana. “L’America lo ha sempre fatto” spiega l’onorevole.

“Ad esempio” ha spiegato Di Battista “le Poste Italiane è un’azienda pubblica che funziona, che produce un utile di 1 miliardo di euro all’anno. Sono soldi che serviranno per continuare ad alimentari carrozzoni politici e uomini beceri, che fanno schifo. Vendendo questi asset strategici cederanno, di conseguenza, la sovranità nazionale”.

“A Montecitorio c’è la sede dei più colossali mafiosi del mondo” spiega un elettore “hanno rubato tutti i nostri soldi, i risparmi di coloro che hanno lavorato in miniera a chilometri sotto terra per potersi fare una casetta. Ci hanno rubato i soldi facendoci pagare tasse su tasse che sono servite per alimentare le loro corruttele. Soldi che sono finiti nelle 240 banche dell’isola di Cuba”.

Manuel Anelli parla della querela ricevuta da Antonio Razzi:”Abbiamo definito questa gente nel peggiore dei modi durante l’amministrazione Di Mattia e ora mi querelano per una battuta su Razzi”.

Infine ha preso la parola Silvio Buttiglione, un ex imprenditore a cui Equitalia sta togliendo la casa. Il 20 maggio il tribunale di Pescara venderà all’asta la sua seconda casa nonostante abbia un figlio malato di sclerosi multipla.

È lo stato aguzzino.

Antonio Del Furbo

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *