DRAGAGGIO/PORTO PESCARA: I LAVORI NON PARTONO TAJANI ASSICURA IMPEGNO

Notizie

Antonio Tajani, vice presidente della commissione europea, assicura forte impegno per la risoluzione del drgaggio del porto di Pescara. Il lavoro però, dice, sarà duro

La marineria di Pescara non conosce tregua e i problemi pare non si risolvano per il momento. Tra l’altro, avevamo già avuto questa impressione durante l’incontro tra marineria, governo regionale e governo nazionale quando furono presentati gli step per l’inizio dei lavori dal sottosegretario alle Infrastrutture. Si va verso un prolungamento del fermo pesca obbligatorio al porto di Pescara, considerato che i lavori di dragaggio promossi dal ministero delle Infrastrutture, per un totale di 200mila metri cubi, non sono ancora partiti e il fermo pesca attuale scade il 28 febbraio. In Provincia di Pescara se n’è parlato con il vice presidente della Commissione europea, Antonio Tajani, e il senatore Gaetano Quagliariello. La Regione Abruzzo, rappresentata oggi dall’assessore alla Pesca Mauro Febbo, sta studiando il da farsi. Di certo il fermo sara’ prolungato, considerato che a fine mese il porto sara’ ancora impraticabile, ma non e’ ancora chiaro se lo slittamento sara’ per un mese o per due mesi. Maggiore chiarezza sui tempi dell’intervento affidato alla ditta Sidra dal Provveditorato interregionale alle opere pubbliche, e’ stata sollecitata dai rappresentanti della marineria, sfiniti dallo stop alle attivita’ della pesca, che li ha portati sul lastrico. «Ci preme capire quali saranno i tempi del dragaggio» – ha detto Francesco Scordella, in rappresentanza degli Armatori, facendo notare tra l’altro che «la marineria pescarese ha perso competitivita’». Maggiori chiarimenti in tal senso potrebbero arrivare nei prossimi giorni.

TAJANI HA INCONTRATO UNA DELEGAZIONE DELLA MARINERIA

Il vice presidente della commissione europea Antonio Tajani ha incontrato questa mattina una delegazione della marineria pescarese, bloccata dallo scorso anno a causa del mancato dragaggio del porto cittadino. Con Tajani, invitato a Pescara dal presidente della Provincia Guerino Testa, c’erano l’onorevole Gaetano Quagliariello, l’assessore regionale Mauro Febbo e il comandante della Direzione marittima Luciano Pozzolano. Al centro della riunione il via libera, che deve arrivare dalla Commissione europea, affinche’ la marineria pescarese possa beneficiare dei tre milioni di euro previsti dallo Stato italiano nel Decreto sviluppo. Il rischio e’ che gli aiuti di Stato vengano ritenuti illegittimi da Bruxelles. Tajani ha assicurato che martedi’ parlera’ della vicenda pescarese con il commissario europeo che si occupa della Pesca, Maria Damanaki, spiegandole che non si tratta di “una situazione normale, semplice”, che in citta’ “c’e’ tensione sociale” per lo stop imposto a tutte le attivita” legate al porto. Bisogna impedire, per il vice presidente della Commissione europea, “che ci sia una lettura burocratica della richiesta” che porterebbe a dire che sono aiuti di Stato illegittimi. Tajani chiedera’ la prossima settimana alla sua collega, la commissaria Damanaki, responsabile per le politiche europee della pesca, che «non ci sia una interpretazione burocratica delle norme» perche’«qui si configura una situazione particolare». «Faro’ di tutto – ha assicurato – perche’ la vostra richiesta possa essere accolta e per far capire qual e’ la vostra situazione. Non faccio facili promesse – ha concluso – ma credo che ci siano dei margini per raggiungere un buon obiettivo anche se bisogna lavorare molto».

di Antonio Del Furbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *