Europei 2016: continuano gli scontri tra tifosi e polizia. La Russia rischia di essere cacciata dall’Uefa.

Notizie

Altri scontri tra polizia e tifosi. Questa volta a essere coinvolti anche tifosi del Galles oltre che inglesi e russi.

“Qualche problema a Lille solo ora. I tifosi inglese & Gallesi stanno cantando: “siamo in Inghilterra e Galles, fanculo la Russia, siamo in Inghilterra e Galles”.

Il tweet su Hooligans tv inizia così senza lasciare spazio a fantasie. Gli scontri sono avvenuti nel centro di Lille, a nord della Francia, tra hooligans russi che hanno provocato gli ultras inglesi e galles. I russi avrebbero iniziato le provocazioni e gli inglesi avrebbero risposto con:”Russia vaff… siamo Inghilterra e Galles”, e lanciando un bicchiere in direzione dei russi. A quel punto l’assalto.

 

Tra qualche ora a Lille si giocherà il match tra Russia e Slovacchia. Poi sarà la volta di Lens (40 chilometri da Lille) dove si giocherà la partita Inghilterra-Galles. Negli scontri sono stati arrestati due russi.

Intanto, la commissione disciplinare dell’Uefa, ha deciso di infliggere alla squadra russa una squalifica dal torneo con “sospensiva”, che si trasformerà in effettiva se i i suoi tifosi continueranno a creare disagi negli altri incontri che si disputeranno. All’eventuale sospensiva si aggiungerà una multa da 150 mila euro. Una sanzione, però, non si estende agli scontri al di fuori degli stadi.

{youtube}https://www.youtube.com/watch?v=-KtDhSteHp8&feature=youtu.be{/youtube}

Un tifoso inglese racconta che:

“Sono stati sequestrati 3000 passaporti britannici dalla polizia inglese.Tifosi che sono stati considerati una minaccia per il torneo. Ai russi sono stati ritirati solo 30 passaporti…….. questo la dice lunga!”

Poi altri commenti:

“Alcune persone dicono che i tifosi i russi hanno colpito padri, famiglie e i tifosi pacifici”

 

“Non sono solo gli hooligan dalla Russia. Sono soldati ben addestrati. Guarda come attaccano. Un piccolo gruppo veloce e in ordine. Non sono ubriachi come inglesi e gallesi. Vogliono uccidere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *