FABRIZIO DI STEFANO CONTESTATO DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE

Notizie

Il senatore Di Stefano contestato da un pensionato, ex elettore di Forza Italia, ad un comizio elettorale

vedi anche: Mario Sechi vs Fabrizio Di Stefano

Per il senatore Fabrizio Di Stefano non c’è proprio tregua. Qualche tempo fa, sempre a Lanciano, ci fu un duro scontro tra lui e l’allora direttore de “Il Tempo” Mario Sechi. Di Stefano sostenne in quell’occasione, che Sechi era un “eterodiretto” e sparava a zero sui colonnelli del Pdl in quanto legato a una linea editoriale. Forse il senatore abruzzese non aveva poi tutti i torti visto che, successivamente, lo stesso Sechi si è candidato nella lista Monti. Nulla di strano passare dal giornalismo alla politica, anzi. Abbiamo imparato che il giornalista è la pedina del politico ed è il braccio che prende ordini dalla mente. Se il politico ordina il giornalista esegue e, quando non è più utile per far raccattare voti, viene candidato in politica. Franco Caltagirone, editore del “Tempo” nonché papà di Azzurra nonché moglie di Pierferdinando Casini, avrà avuto tutto l’interesse ad appoggiare la lista Monti e quindi ordinare al buon Sechi di appoggiare l’operazione politica. 

FABRIZIO DI STEFANO CONTESTATO AL COMIZIO

Durante la presentazione dei successi ottenuti dal governo regionale, Fabrizio Di Stefano, accompagnato dal presidente della Regione Gianni Chiodi, è stato contestato prima da un pensionato e poi da un gruppo di militanti del Movimento cinque stelle. Stranamente, ma non tanto, la notizia non è stata ripresa da radio e tv, forse per non turbare gli umori dello stesso senatore e del presidente Chiodi. Del video c’è traccia su facebook e ovviamente su youtube. Un signore anziano, ex elettore di Forza Italia, contesta Fabrizio di Stefano per le politiche passate del governo Berlusconi. Accusa il senatore di aver appoggiato il governo Monti che a lui ha ridotto la pensione e gli ha tolto 10mila euro per il pagamento dell’Imu.

 (immagini di Rinaldo Furlan)

di Antonio Del Furbo 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *