Forza Italia riparte dall’associazionismo: nasce Cuore Nazionale

Notizie

Dalle parole si passa ai fatti. Sembra proprio che mister Silvio si stia riorganizzando scendendo tra la gente.

L’idea però è sempre la stessa: porte aperte alla società civile. L’ufficializzazione dell’operazione territorio verrà fatta domani a Roma a partire dalle 10 presso l’auditorium del Seraphicum.

“Cuore Nazionale è un’associazione costituita da Professionisti, dirigenti, funzionari pubblici, imprenditori….. È un’associazione culturale a vocazione politica, nata dal desiderio di contribuire attivamente al miglioramento delle condizioni del nostro paese” dicono dagli stati generali. Non una fondazione, come ormai va di moda, ma bensì un’associazione che:si colloca nell’area moderata” e “animata da un patrimonio di ideali, tra cui, il valore della persona; il primato della vita e della libertà; la tutela dell’impresa e del lavoro; lo sviluppo della cultura e della solidarietà”. In Abruzzo l’esperimento è già partito con il Coordinatore Regionale Francesco Longobardi che ammette:”vista l’abolizione del Finanziamento ai partiti, si sta creando in Abruzzo, Cuore Nazionale, al servizio della collettività, creando un Global Service, dove i professionisti interni, potranno svolgere propria attività verso i meno fortunati e non”. Dunque:”La tessera che verrà creata, non è una tessera di partito, ma di Servizi, che l’associazione fornirà sul territorio. Si recupereranno i pensionati che nella società oggi non sono impegnati e che vorranno dedicarsi alle attività socio- culturali. Partiranno i punti Ascolto Donna, Ascolto Giovani e ci sarà integrazione fra vecchia e nuova generazione”.

Un progetto politico che oltre a Longobardi vede la presenza di Maria Luigia Montopolino, Coordinatore Cittadino di Cuore Nazionale a Pescara, Luigi Di Carlo, responsabile per la comunicazione, Gustavo Baldacci, Concetta Gelsumino, Fabiola Speranza, Yvone Pincelli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *