Fratelli d’Italia in 3mila alle urne in provincia di Chieti

Notizie

“Una partecipazione straordinaria che ha riacceso la speranza nel popolo del centrodestra, e non solo, della provincia di Chieti”. Sono le parole pronunciate da Antonio Tavani, portavoce provinciale del partito di Giorgia Meloni e Guido Crosetto all’indomani delle primarie di Fratelli d’Italia, svoltesi sabato e domenica scorsi in provincia di Chieti.

“Una partecipazione straordinaria che ha riacceso la speranza nel popolo del centrodestra, e non solo, della provincia di Chieti”. Sono le parole pronunciate da Antonio Tavani, portavoce provinciale del partito di Giorgia Meloni e Guido Crosetto all’indomani delle primarie di Fratelli d’Italia, svoltesi sabato e domenica scorsi in provincia di Chieti.

“Quasi 3mila elettori recatisi nei totali 6 seggi allestiti nel nostro territorio sono tanti, e ci dimostrano che il percorso che abbiamo intrapreso va nella giusta direzione” ha proseguito Tavani, che non ha dimenticato di ringraziare “tutti coloro che hanno deciso di partecipare alle consultazioni: i volontari che in queste settimane hanno lavorato per l’organizzazione dei seggi  e i candidati alla carica di delegati nazionali”.

Etelwardo Sigismondi, componente del Coordinamento regionale di Fratelli d’Italia, non ha dubbi:”La classe dirigente nazionale di Fratelli d’Italia l’ha scelta il popolo, e questo passo non può, dunque, che essere l’applicazione del sistema meritocratico per il quale ci siamo per anni battuti” . Quindi una riflessione:”Siamo un partito piccolo? La risposta la danno i 3mila cittadini circa della provincia di Chieti, ed in generale i 250mila italiani che si sono recati ai nostri seggi” ha concluso con orgoglio Sigismondi. 

E Tavani, attuale vice presidente della Provincia teatina, su Facebook lancia le prime proposte, già discusse con la base, del programma:”Patrimoniale subito per abbattere il debito pubblico; licenziabilità nel pubblico come avviene nel privato; limite del doppio mandato a tutti i livelli, con effetto retroattivo dal 2001; chiusura delle Regionieliminazione della dicitura AUTONOMA E/O SPECIALE da qualsiasi Ente, Regione o Provincia; pensionare qualche centinaio di migliaia di italiani e immettere nel mercato del lavoro i loro figli disoccupati”. Poi una sfida lanciata al nuovo presidente del Consiglio, Matteo Renzi:”Avrà questo coraggio? In caso affermativo ci sarà il mio voto”.

I NOMI E I DATI

Sono stati 2920 i votanti, 6 i comuni interessati: Casoli (283), Chieti (321), Fara San Martino (481), Lanciano (289), Ortona (932), Vasto(614). 

I candidati eletti in ordine di preferenze sono: Carla Zinni, Angelo Di Nardo, Roerta Basilico, Franco Vanni, Antonio Tavani, Marco di Michele Marisi, Etelwardo Sigismondi, Luigi Nasuti, Armando Travaglini, Andrea Orsatti, Marcello Michetti, Paolo Di Guglielmo, Roberto Miscia, Luigi Comini, Lucio Zappacosta, Terenzio Rucci, Ilias Tsilividis, Pietro D’Amico, Agostino di Pietro, Francesco Di Sebastiano.

Il 29,84% dei votanti, pari a 860 voti, hanno scelto, come simbolo, quello con le scritte ‘Fratelli d’Italia’ e ‘Alleanza Nazionale’.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *