«GIORNALISTI RESPONSABILI DELLA QUESTIONE ANTENNE A SAN SILVESTRO»

Notizie

Durante la conferenza stampa del Movimento 5 stelle di stamane in Comune a Pescara per riferire dell’incontro di ieri al Ministero dell’Ambiente su “Ombrina Mare”, c’è stato uno scontro verbale tra un giornalista dell’Ansa e un rappresentante del Comitato antenne di San Silvestro

Duro scontro verbale questa mattina tra due fazioni opposte: giornalisti contro comitati. A margine della conferenza stampa dei grillini si è scatenato un duro scambio di opinioni tra Luca Prosperi dell’Ansa ed Enio Salle del comitato antenne San Silvestro. All’origine del confronto c’è stata una dichiarazione di Salle in cui sosteneva che i maggiori responsabili della situazione creatasi a San Silvestro sono stati i giornalisti che hanno raccontato falsità in merito:«le antenne sono arrivate dopo le case» ha detto Salle. Pronta la risposta di Prosperi:«C’è una lotta feroce tra i vari poteri di questo paese. Non potete pensare che i principali responsabili siamo noi». E ancora:«Ci sono delle responsabilità diffuse di cui noi ci prendiamo una parte importantissima di responsabilità». Enio Salle da il colpo finale quando parla di giornaliste che scrivono il pezzo e poi il loro caporedattore glielo cambia senza che loro stesse possono dire nulla per via della precarietà lavorativa. «Queste ragazze prendono 5 euro ora, come fanno ad imporsi?».

RAI E M5S: C’ERAVAMO TANTO ODIATI

Pare proprio che i grillini abruzzesi abbiano fatto pace con la Rai ed in particolare con quella regionale. Gianluca Vacca ha perfino rilasciato una lunga dichiarazione a Gabriele Mastellarini del Tg3 Abruzzo lungo il corridoio del Comune di Pescara. Amore ritrovato? Interessi diversi rispetto al passato? Non lo sappiamo. Strano però vedere Gianluca Vacca davanti ad un microfono Rai. Strano anche che lo stesso Gianluca Vacca chieda, in conferenza stampa, se ci sia il Centro. Abbiamo cambiato tutto per non cambiare nulla? Nel caso ci sarebbe da incazzarsi. E pure tanto.

 

di Antonio Del Furbo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *