In arrivo dalla Cina porcellini fluorescenti

Notizie

In nome della scienza sono stati eseguiti nella Repubblica cinese questo esperimento da veri e propri malati di mente. I ricercatori assicurano che la comunità mondiale gioverà da questo esperimento.

 

In nome della scienza sono stati eseguiti nella Repubblica cinese questo esperimento da veri e propri malati di mente. I ricercatori assicurano che la comunità mondiale gioverà da questo esperimento. E se lo dicono loro c’è solo da crederci. Certo è che a sentire tale Liu Zhonghua dell’ Universita’ cinese di Harbin c’è da mettersi le mani nei capelli. “La bocca e le lingue dei maialini diventano verdi se li si mette sotto i raggi ultravioletti: questo vuol dire che la tecnologia per allevare maiali transgenici attraverso il trasferimento di cellule nucleari e’ matura”. Lo ha detto lui: Liu Zhonghua. L’esperimento è frutto della produzione di determinate proteine che, grazie all’introduzione di un gene estraneo al proprio Dna, i maialini diventano fluorescenti. A incorporare il gene – proveniente da una medusa – che ha reso questi due animali fluorescenti, un team di scienziati statunitensi in collaborazione con un’università cinese, che hanno sottolineato come, grazie a questa tecnica, sarà possibile produrre farmaci in modo più semplice ed economico rispetto alle procedure attualmente impiegate. Il colore è dato proprio dalla proteina prodotta grazie a una modifica del codice genetico. Prima dei giochi sui maialini, questi malati di mente, avevano già dato vita ai gatti fluorescenti. Ben 12 milioni sono gli animali sottoposti ad esperimenti scientifici, e solo in parte tali esperimenti hanno una qualche correlazione con la ricerca scientifica in ambito medico. Talora, chi fa questi esperimenti li fa semplicemente perché ha il potere e la possibilità di farli, senza altri scopi che una curiosità fine a sé stessa. Liu si è spinto oltre con le sue dichiarazioni:”Questa tecnologia promette di generare maiali transgenici eccellenti e anche di allevare maiali speciali per fornire organi per i trapianti umani in futuro”. Capito? In un prossimo futuro potreste aver bisogno di un trapianto di qualche organo e che fareste nel caso? Ovviamente telefonereste al malato di mente di cui sopra e ordinereste un paio di fegati, qualche polmone e una prostata. Meglio abbondare non si sa mai. Con Liu si schierano i genetisti:”la scoperta aiuterà a produrre farmaci in modo più efficace ed economico”. Vorrei vedere. E poi mega professori che assicurano:”è possibile anche ottenere dagli animali proteine utili per la cura di alcune malattie, come l’insulina per i diabetici o alcuni enzimi per i pazienti affetti da emofilia”.  Per i ricercatori, i due maialini non sono affetti da nessuna patologia e che la loro vita sarà uguale a quella degli altri maialini. Quel colore fluorescente non sarebbe altro che un indicatore che dimostra che l’introduzione del gene nel DNA dei porcellini è andata a buon fine e che il gene si è attivato correttamente, avallando la tesi degli scienziati.

Antonio Del Furbo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *