INCIDENTE “COSTA FASCINOSA”, IL RACCONTO DI UN TURISTA ABRUZZESE

Notizie

«Prima un tremolio, poi una sorta di botta ed è caduto tutto, mentre la nave si inclinava. Eravamo a cena e sono andati a terra piatti, bicchieri e bottiglie. Poi, il panico».

Così un turista di Pescara racconta la disavventura in mare a bordo della “Costa Fascinosa” che alle 21.30 di venerdì scorso si è improvvisamente inclinata sulla sinistra di 16 gradi. La brutta avventura per i circa 3 mila turisti in crociera è avvenuta al largo di Cefalonia, isola tra la Grecia e la Sicilia. La nave, varata il 5 maggio 2012, è la più nuova del gruppo. I passeggeri sono saliti sul ponte di emergenza n.4 e il comandante, Ignazio Giardina, ha dato l’avviso che:«la nave aveva incrociato una barca a vela che con una manovra evasiva siamo riusciti ad evitare» sempre secondo il racconto del testimone. Alcuni dei  passeggeri però raccontano però di aver visto un grosso peschereccio o una nave portacontainer. Alla fine, tuttavia, è rimasta ferita ad una gamba solo una ragazza a causa dei cocci di bottiglia. Diversi passeggeri, inoltre, sono stati subissati dall’acqua schizzata con violenza dalle piscine. Tutti hanno subito indossato i corpetti salvagente ma poco dopo, mentre la Costa Fascinosa si è rimessa lentamente in rotta, la nave ha proseguito il suo viaggio verso Dubrovnik. Oltre ad una coppia di Pescara a bordo della nave – 294 metri di lunghezza per 30 metri di larghezza, 1.200 membri di equipaggio – si trovavano anche due coppie di Crecchio (Chieti). La crociera prevedeva il giro del Mediteraneo Orientale, con partenze, il 29 aprile, da Venezia e da Bari. Non e’ chiaro, al momento, se sull’episodio sia stata avviata un’inchiesta

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *