Julian Assange:”rinchiuso nella Guantanamo britannica”

Notizie

Arrestato la scorsa settimana nell’ambasciata ecuadoregna di LondraJulian Assange è stato “rinchiuso nella Guantanamo britannica”. A denunciare il trattamento è stata la madre del fondatore di Wikileaks.


Christine su Twitter ha scritto che il figlio, “un giornalista che ha vinto tanti premi”, è stato rinchiuso nella Belmarsh Prison “insieme con noti criminali, serial killer, trafficanti di droga e terroristi”.

“Nel 2016 le Nazioni Unite ordinarono al governo inglese di liberare mio figlio giornalista da 6 anni” perché vennero riscontrati “violazioni dei diritti umani e detenzione arbitraria” spiega Christine. “Loro hanno rifiutato le accuse e, appena 4 giorni fa, la polizia del Regno Unito ha gettato Julian nella prigione di Belmarsh, UKs Guantanamo Bay!”.

L’organizzazione dei Diritti umani parla della prigione britannica come “un buco nero legale”. “Le persone private della libertà hanno diritto a un processo o rilascio immediato, e in caso di detenzione arbitraria, hanno diritto al risarcimento. Né guerra al terrore né politiche restrittive sull’immigrazione giustificano la detenzione indefinita”.

A preoccupare è lo stato di salute di Assange perché “Molti detenuti di Belmarsh dicono che è difficile vedere un medico o un’infermiera” riferisce Bloomberg News. La prigione di Sua Maestà Belmarsh era stata usata per detenere a tempo indeterminato detenuti in grado di mettere a rischio la sicurezza nazionale dopo l’attacco alle Torri gemelle di New York. 

Giovedì, Assange è stato dichiarato colpevole di aver saltato la cauzione. Il 2 maggio è prevista la partecipazione a un’audizione giudiziaria tramite collegamento video sulla richiesta di estradizione negli Stati Uniti.

Assange divide il carcere con gangster, serial killer e trafficanti di droga. Ci sono nomi come Ronnie Biggs della Great Train Robbery del 1963, Richard Tomlinson, arrestato per aver dato la sinossi per un libro sulla sua carriera con l’MI6 ad un editore australiano. Andy Coulson, ex-segretario stampa del primo ministro David Cameron, detenuto per alcuni mesi per lo scandalo di hacking telefonico che ha travolto News of the WorldMolti dei detenuti sono in prigione per atti di terrorismo. Come, ad esempio, Abu Hamza al-Masri, un religioso egiziano ora negli Stati Uniti dove sta scontando la vita in carcere per 11 capi di terrorismo. Rams Mohammed, Muktar Said Ibrahim e Yasin Hassan Omar tutti arrestati  per i loro ruoli chiave negli attentati del 2005 nella metropolitana di Londra. 

Nei rapporti individuali degli ex detenuti di Belmarsh pubblicati da CAGE, un gruppo di difesa contro le violazioni dei diritti umani che si sono verificati in seguito alla “guerra al terrore”, si leggono drammatiche esperienze. Un prigioniero che è stato in seguito prosciolto ha dichiarato che “Il sistema carcerario è gestito in modo tale da umiliare e degradare il detenuto il più possibile. Il processo di disumanizzazione inizia immediatamente”. Per CAGE, dunque, Il Regno Unito sta facendo il lavoro sporco degli Stati Uniti perseguitando un uomo che ha denunciato crimini di guerra “.

L’avvocato James Hines, consigliere del Queens che rappresentava il governo degli Stati Uniti, ha detto alla Corte durante l’audizione di Assange che “Gli agenti hanno cercato di raggiungerlo per poter eseguire il mandato di arresto prima che lui li superasse, tentando di tornare nella sua stanza privata. Alla  fine è stato arrestato alle 10.15. Ha resistito a quell’arresto, sostenendo che ‘questo è illegale’ ed è stato trattenuto. Gli ufficiali stavano lottando per ammanettarlo. Hanno ricevuto assistenza da altri ufficiali esterni ed è stato ammanettato dicendo ‘questo è illegale, non me ne vado’. È stato, infatti, sollevato nel furgone della polizia fuori dall’ambasciata e portato alla stazione di polizia centrale del West End”.

Assange probabilmente si riferiva alla Convenzione sui rifugiati del 1951 che proibisce a una nazione che ha concesso asilo a qualcuno di restituire quella persona in un paese in cui è probabile che l’asilo sia perseguitato.

Durante l’arresto Assange aveva in mano una copia di “The History of the National Security State” di  Gore Vidal. Mentre veniva trasportato nel furgone della polizia gridava “Il Regno Unito deve resistere a questo … il Regno Unito deve resistere”.

Giovedì, Assange è stato dichiarato colpevole di aver saltato la cauzione. Il 2 maggio è prevista la partecipazione a un’audizione giudiziaria tramite collegamento video sulla richiesta di estradizione negli Stati Uniti.

Il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno ha affermato che Julian Assange utilizzava la sede diplomatica come “centro di spionaggio”. Ha poi assicurato che nessun’altra nazione ha influenzato la decisione di revocare l’asilo al fondatore di WikiLeaks, che a suo giudizio è scaturita dopo le ripetute violazioni di Assange. Moreno al Guardian ha sostenuto che il precedente governo dell’Ecuador ha fornito strutture all’interno dell’ambasciata per “interferire” con altri stati.

Patrick Henningsen, analista indipendente e giornalista, dice che “si tratta di tutti noi. Se possono estradare , possono farlo a chiunque di noi per pubblicare qualcosa che renda il governo cattivo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *