“L’oliva ascolana per andare a Lione ha bisogno della Tav”. Parola del sindaco di Ascoli Piceno

Notizie

Secondo la questura torinese hanno sfilato in 25mila, il 12 gennaio scorso, per dire sì alla Tav. “Il mondo cambia ad alta velocità, sveglia”, “il futuro è di tutti, vogliamo la Tav”, “l’Europa siamo noi”. Questi solo alcuni degli slogan urlati in piazza Castello per ribadire il sostegno alla Torino-Lione e alle grandi opere come motore di sviluppo del Paese. In piazza i governatori di Piemonte e Liguria, Sergio Chiamparino e Giovanni Toti, il Pd Maurizio Martina, la Lega con il suo capogruppo Maurizio Molinari.



In mezzo a loro anche il sindaco di Ascoli Piceno, Guido Castelli, che, per “rafforzare” l’idea della Tav, è andato a Torino per spiegare che “se un’oliva tenera ascolana deve arrivare a Lione deve arrivarci presto e bene”.

Dunque, per il sindaco ascolano, le priorità non sono le risorse per i servizi, no, per portare le olive ascolane a Lione con l’alta velocità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *