fbpx
giovedì, Agosto 22, 2019

Mercato delle toghe e Corruzione: indagati altre tre giudici. Regali, viaggi e vacanze

Notizie

Altri due avvisi di garanzia consegnati a un membro del Csm e a un pm, per rivelazione del segreto e favoreggiamento. Perquisita la casa del pm Luca Palamara.

di Antonio Del Furbo

Leggi anche: Corruzione: indagato l’ex presidente dell’ANM Luca Palamara. Le mosse (anche politiche) per il dopo Pignatone



La Finanza vuole vederci chiaro così ha passato al setaccio casa e ufficio del giudice indagato per corruzione, oltre alle abitazioni di persone a lui vicine. Gli avvisi di garanzia sono stati consegnati al consigliere del Csm Luigi Spina e al pm Stefano Fava.

L’inchiesta sulle nomine della procura di Roma, dunque, si allarga. La Guardia di finanza – su mandato della procura di Perugia – ha perquisito l’abitazione e gli uffici in procura del pubblico ministero Luca Palamara, indagato per corruzione, l’abitazione del suo commercialista e quella di Adele Attisani, persona vicina al magistrato.Il pm della procura di Roma Fava, che è l’autore dell’esposto al Csm che accusa l’ex procuratore di Roma Giuseppe Pignatone e il suo aggiunto Paolo Ielo, è accusato di rivelazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento. Per Spina, componente togato del Csm della corrente Unicost, vengono contestati i reati di rivelazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento.

Viene confermato, stando alle indagini, il ruolo di snodo di Palamara nell’inchiesta. E, a quanto pare, nei prossimi giorni si capiranno meglio le mosse e gli interessi delle correnti della magistratura italiana per la nomina del successore di Giuseppe Pignatone alla guida della Procura di Roma. Una bomba che investirà l’intera magistratura italiana, la sua organizzazione in correnti, i suoi equilibri.

Oggi si viene a sapere della presenza di un esposto al Csm che accusa l’ex procuratore Giuseppe Pignatone e il suo aggiunto Paolo Ielo “di aver guidato con mano condizionata una delle indagini più delicate dell’ufficio” scrive Repubblica. “Quella sull’avvocato siciliano Pietro Amara, il dominus del network indagato nel 2018 che condizionava le sentenze della giustizia amministrativa. Lo stesso professionista che porta a Fabrizio Centofanti, il lobbista in orbita Pd, che gratifica della sua generosità proprio Luca Palamara.” A firmare l’esposto è un pubblico ministero della Procura di Roma, Stefano Fava che su Amara aveva indagato prima di entrare in rotta di collisione con Pignatone e vedersi revocata la delega all’indagine.
L’accusa è che Pignatone e Ielo non si sarebbero astenuti nelle giuste forme dall’indagine su Amara, perché i rispettivi fratelli avrebbero avuto rapporti professionali proprio con lo stesso Amara.

Tornando all’inchiesta, Centofanti, Amara e Calafiore (gli ultimi due hanno da poco patteggiato nell’ambito dell’inchiesta sulle sentenze aggiustate al Consiglio di Stato), avrebbero corrisposto a Palamara, quando era al Csm, “varie e reiterate utilità consistenti in viaggi e vacanze (soggiorni presso svariati alberghi anche all’estero) a suo beneficio e a beneficio di familiari e conoscenti”, compreso un “anello non meglio individuato del valore di 2 mila euro in favore della sua amica Adele Attisani”.

L’obiettivo della corruzione, secondo i pm umbri, era “danneggiare Marco Bisogni, all’epoca pm a Siracusa (ora a Catania, ndr), in precedenza già oggetto di reiterati esposti depositati presso la procura generale di Catania a firma di Amara e Calafiore (il primo indagato dallo stesso Bisogni, il secondo, suo difensore)”. In quel procedimento disciplinare contro Bisogni, Palamara era parte della sezione che nel 2017 respinse la richiesta di archiviazione della Procura generale di Cassazione chiedendo l’incolpazione coatta per Bisogni. L’obiettivo finale dei corruttori era quello di “fare in modo che Palamara mettesse a disposizione, a fronte delle utilità, la sua funzione di membro del Csm, favorendo nomine di capi degli uffici cui erano interessati Amara e Calafiore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *