Stella Maris, il simbolo fascista in cui girano film hard

Share

Le foto, scattate qualche giorno fa, ritraggono una donna completamente nuda su un balcone intenta a farsi fotografare.

"Queste foto sono state scattate in pieno giorno da un residente, la cui abitazione è prospiciente alla Stella Maris" racconta Marco Forconi, del coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia.

"Testimoni oculari hanno visto: una donna ben vestita, una completamente nuda ed intenta a danzare fra le sbarre delle balconate (assolutamente pericoloso), un fotografo e due persone di colore."

E non è tutto.

Gli stessi residenti hanno riferito di aver udito "gemiti provenienti dall'interno della struttura stessa".

La situazione della Stella Maris diventa ogni giorno più inquietante. Solo qualche giorno fa si è consumata un'altra tragedia: un 30enne è stato trovato morto all’interno della struttura. Appena due anni fa un uomo si suicidò cospargendosi di benzina dandosi fuoco nell'area verde della struttura.

Come sempre, la politica e gli enti pubblici promettono da decenni la risoluzione del problema ma tutto rimane fermo. Intollerabilmente fermo. La struttura è diventata la casa di clochard e tossicodipendenti. Dentro si trova di tutto: cani, materassi e giacigli improvvisati.

Ora, però, c'è chi lavora di fantasia e ha scelto la Stella Maris come set cinematografico di un film hard.

"l'ex colonia fascista non è più un solo dormitorio per disperati ma (e lo conferma anche il rinvenimento di un generatore ed un pc) un luogo assolutamente pericoloso. Per chi non lo sapesse, a Capodanno si è tenuto un enorme rave abusivo a base di alcool e chissà cos'altro ancora" aggiunge ancora Forconi. Non solo:"In occasione di solstizi, equinozi e date particolari vengono svolti riti satanici, uditi e visti dai residenti della zona, con tanto di falò e più volte all’interno della Stella Maris sono stati ritrovati gatti squartati."

Tutto questo mentre le istituzioni promettono e non eseguono. Chissà dove sono i vigili urbani di Montesilvano e perché non si occupano della Stella Maris.