Omicidio Cagnetta: autopsia sulla morte del testimone

Notizie

È stato un’edema polmonare a provocare la morte di Ivan Battaiola, 38anni, il cui corpo senza vita è stato trovato venerdì scorso in un casolare abbandonato in via Tavo, a Pescara.

È stato un’edema polmonare a provocare la morte di Ivan Battaiola, 38anni, il cui corpo senza vita è stato trovato venerdì scorso in un casolare abbandonato in via Tavo, a Pescara. È quanto ha stabilito l’autopsia eseguita dal medico legale Ildo Polidoro su disposizione del pm del tribunale di Pescara Salvatore Campochiaro, che sulla vicenda ha aperto un fascicolo contro ignoti ipotizzando il reato di spaccio di sostanza stupefacente e morte come conseguenza di altro delitto. Saranno però necessari ulteriori accertamenti e l’esame tossicologico per stabilire la causa dell’edema polmonare. Tra i possibili motivi l’assunzione di sostanza stupefacente però bisognerà fare degli approfondimenti per stabilire se e cosa il 38 enne abbia assunto e anche come. Battaiola era stato tra i testimoni dell’omicidio di Tommaso Cagnetta, 42 anni, pregiudicato, avvenuto il 2 luglio dello scorso anno, a Pescara, nel cortile del cosiddetto “ferro di cavallo”. Battaiola aveva poi ritrattato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *