Pescara: atterrati gli Ufo. Videoamatore aggredito (Video)

Notizie

Dopo le scioccanti dichiarazioni su un possibile attacco Ufo fatte dal candidato del centro-sinistra alla Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, gli stati europei sono a lavoro per studiare a fondo la vicenda. José Barroso, presidente della Commissione europea, ha raggiunto il presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama. 

http://www.youtube.com/watch?v=qF1NkxrNBt8

Le dichiarazioni rilasciate all’emittente locale ‘Rete 8’ hanno creato un vero e proprio caso internazionale. “Difenderò il mare Adriatico dalle invasioni degli Ufo che si sono messi in cammino” è la frase shock di ‘big metafora’.

http://www.youtube.com/watch?v=wG4dSf3WCSY

I giornali nazionali hanno prontamente, si fa per dire, ripreso la notizia. 

LA REPUBBLICA DI DE BENEDETTI

“Il mare Adriatico sarà il parco più grande dell’Abruzzo e lo rispetteremo  dalle invasioni degli Ufo, perché si sono già messi in cammino”. Così l’ex sindaco di Pescara, ora candidato del Pd alla guida della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso. Quello della difesa dagli Ufo è solo uno dei punti del programma presentati alla trasmissione ‘il Fatto’ di Rete 8. D’Alfonso venne arrestato nel 2008 per tangenti e assolto in primo grado, ora è in attesa del processo d’appello”. La nota giustizialista non poteva mancare. 

L’ESPRESSO DI DE BENEDETTI

“Si chiama Luciano D’Alfonso, ha 49 anni, ex sindaco di Pescara, lauree in Scienze Politiche e Filosofia, è il candidato del Partito Democratico alla guida di Regione Abruzzo. Nonostante un’infinita serie di grane giudiziarie (stessa anima giustizialista di Repubblica) lasciate alle spalle ed un processo per falso e truffa tutt’ora in corso (inchiesta “Mare-Monti”), il 9 marzo 2014 stravince le primarie del centrosinistra spazzando via i candidati di Sinistra Ecologia e Libertà ed Italia dei Valori. Subito dopo questo successo, si presenta davanti alle telecamere di Rete 8 per sguainare i punti fondamentali del suo programma elettorale. Ve ne segnaliamo uno in particolare. Difendere il Mare Adriatico dall’invasione aliena. Perché sì, “gli Ufo stanno arrivando”.

IL FATTO QUOTIDIANO DEI TRIBUNALI

“Sta ormai diventando un cult in rete il video in cui Luciano D’Alfonso, ex sindaco di Pescara, ex presidente della Provincia abruzzese e attualmente candidato governatore dell’Abruzzo per il Pd, rilascia un’intervista per “Il Fatto”, talk show di approfondimento politico su Rete8. Il politico, all’indomani della vittoria delle primarie del centrosinistra, il 10 marzo scorso, scodella al suo elettorato svariate promesse mirabolanti”. Nemmeno un riferimento ai processi di D’Alfonso. Miracolo.

LA STAMPA DI FIAT S.p.A.

“Contattato da La Stampa lo staff del candidato ha chiarito: “Luciano D’Alfonso è solito utilizzare un linguaggio metaforico e suggestivo. Alcuni dei termini usati possono apparire singolari ma per gli abruzzesi è molto chiaro. Quello agli Ufo è un riferimento esplicito: si tratta delle piattaforme petrolifere di Ombrina che costituiscono una minaccia grave per un prezioso ecosistema”. I giornalisti della Fiat hanno chiamato lo staff per avere delucidazioni in merito. Di cosa vogliamo parlare?

RETE 8 DI PIERANGELI & SPATOCCO 

La notizia non ha turbato il sonno Rem dell’unica emittente abruzzese. Il direttore Pacilio, a parte le domande ‘taglienti’ al candidato, non ha rilevato nulla di tutto ciò che si è scatenato intorno alla vicenda. 

LO STAFF DELLA COMUNICAZIONE (DA LICENZIARE IN TRONCO)

Dopo la crisi internazionale, in serata arriva la dichiarazione dello staff della comunicazione di D’Alfonso. Titolo:”Precisazione a proposito della difesa dell’Adriatico di cui ha parlato Luciano D’Alfonso in una trasmissione televisiva”. Quindi la nota:”Luciano D’Alfonso, candidato alla presidenza della Regione Abruzzo, è solito utilizzare un linguaggio metaforico e suggestivo nella sua comunicazione, anche come tramite più coinvolgente per la rappresentazione del suo programma di governo. Alcuni dei termini usati possono apparire singolari al di fuori del contesto regionale, nel quale ovviamente risulta difficile cogliere il riferimento cui D’Alfonso allude con le sue metafore, ma per gli Abruzzesi è molto chiaro.
Un caso esemplare è quello della trasmissione ‘Il Fatto’ dalla quale è stato tratto un video in cui D’Alfonso richiama la scelta di tutelare e salvaguardare l’ambiente abruzzese, in particolare i fiumi e il mare. A proposito di quest’ultimo il candidato dice di volerlo difendere dalle ‘invasioni degli Ufo che si sono messi in cammino’. Per chi vive in Abruzzo è un riferimento esplicito: si tratta delle piattaforme petrolifere di Ombrina che costituiscono una minaccia grave per un prezioso ecosistema.
Il programma del candidato presidente e del centrosinistra sul punto è netto: questi tentativi saranno avversati e respinti per tutelare la risorsa ambientale che è la più preziosa di cui l’Abruzzo disponga”. Quindi l’affondo verso l’autore del video:”Chi ha creato il video, invece, evidentemente voleva favorire una confusione che non ha motivo di essere”.

Insomma le teste pensanti dello staff comunicativo di ‘Big Ufo da Manoppello’ avrebbero fatto meglio a starsene zitti. Meglio se fossero andati a dormire dopo Carosello. Perché D’Alfonso ha usato termini ‘singolari’ su un problema così enorme? Il video è stato ‘creato’ negli studi di Rete 8. Il responsabile del video è Rete 8? 

I geni della comunicazione di Big Ufo avrebbero potuto riprendere la palla al balzo dicendo che le dichiarazioni erano risalenti al 10 marzo 2014. A quel punto porre una domanda:”Come mai non ve ne siete accorti prima?” 

Sempre i geni della comunicazione sarebbero dovuti apparire un po’ meno altizzosi senza continuare a tracciare una linea di demarcazione tra loro e gli altri con post del tipo:”UFO = PIATTAFORME PETROLIFERE DI OMBRINA”.

Non potevamo esimerci da questa barzelletta all’italiana dove i politici sono i figuranti, i giornalisti i pagliacci e noi, braccati da cotanta intelligenza, non potevamo che ritagliarci un piccolo spazio di satira. Pagliacci.

ZdO

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *