Pescara, cani “buttati” dentro il canile

Notizie

La Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Pescara segnala un altro caso di abbandono. Questa volta si tratta di due cuccioli buttati dentro la recinzione esterna del canile comunale della città.

La Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Pescara segnala un altro caso di abbandono. Questa volta si tratta di due cuccioli buttati dentro la recinzione esterna del canile comunale della città.

Durante tutto l’anno, nel tardo pomeriggio, i volontari della Lega Nazionale per la Difesa del Cane si recano in canile per somministrare le terapie farmacologiche agli ospiti del rifugio che ne hanno bisogno. Qualche giorno fa, il volontario di turno, al suo arrivo in canile ha trovato due nuovi ospiti del tutto inaspettati, buttati dentro il canile da una recinzione alta più di due metri. Uno dei due cuccioli, nel tentativo di uscire e molto probabilmente di raggiungere il “proprietario” che l’ha abbandonato, si è purtroppo ferito incastrandosi all’inferriata del cancello. Fortunatamente i due cuccioli non hanno subito aggressioni dai cani presenti all’interno dell’area in cui sono stati lasciati. I volontari della Sezione di Pescara della Lega del Cane hanno provveduto immediatamente a farli visitare dal veterinario e cercheranno per loro un’adozione responsabile. Nella peggiore tradizione estiva, dunque – rileva l’associazione – un ennesimo caso di abbandono. È opportuno ricordare che l’abbandono di animali è un reato punito con l’arresto fino a un anno o con ammenda da 1.000 a 10.000 euro, ai sensi dell’art. 727 del Codice Penale. Chiunque assista a un abbandono non esiti a contattare immediatamente le forze dell’ordine e denunciare l’accaduto, fornendo tutte le informazioni possibili (targa e modello dell’eventuale automobile/veicolo, descrizione della persona, ecc.). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *