Rai: Gubitosi vince. Il Cda dice sì al riassetto dell’informazione

Notizie

Il Consiglio d’amministrazione della tv pubblica italiana ha creduto nel piano presentato dal dg Luigi Gubitosi 

I risparmi ci saranno eccome. Non sono bastate le ‘insurrezioni’ di giornalisti e sindacati a fermare il piano di riorganizzazione voluto da Gubitosi. “Il 2015 sarà l’anno della riforma dell’informazione” aveva detto il direttore generale. E la promessa è stata mantenuta. La levata di scudi anche e soprattutto delle sedi regionali non sono servite e il piano di riorganizzazione è passato con 5 voti favorevoli e 3 contrari.

Si risparmieranno 100 milioni di euro e verranno create, come già avevamo riportato qualche giorno fa, due newsroom: Tg1, Tg2 e Rai Parlamento da una parte, Tg3, Rainews24 e Tgr dall’altra. “Mi giocherò tutto” aveva detto Gubitosi nel presentare il dossier sulla riforma del servizio pubblico.  

Per il dgla centralità sarà sempre più dei contenuti e non delle reti e dei canali. Il mondo sarà sempre più orizzontale e la struttura verticale cui siamo abituati diventerà motivo di rallentamento e inefficacia”. L’approvazione era abbastanza scontata visto che il Cda aveva già sottoposto il piano a Mary Hockaday della Bbc che lo definì:”coerente con i modelli dei grandi broadcasters internazionali”. 

Ora sono 8 i direttori delle altrettanti testate giornalistiche che rischiano grosso: di loro probabilmente ne rimarranno solo due trasformati in due super direttori. I vice direttori passeranno da 32 a 12 e ci saranno meno giornalisti e meno ‘doppioni’. Il riassetto prevede una serie di pensionamenti tra funzionari, amministrativi e, appunto, giornalisti per un totale di 300 dipendenti.

ZdO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *