Roma, Piazza Navona: Marino manda 7 berretti bianchi a rimuovere il banchetto di un pittore

Notizie

Sono arrivati duri e puri i super poliziotti della Roma Capitale. Intransigenti, addestrati, militarizzati contro chiunque infranga la legge specie se è solo e indifeso. I vigili della Roma Capitale al povero artista gli hanno ripulito il banchetto e rimosso tutti i quadri che che aveva esposto.

“Sgominato pericoloso traffico d’arte a Piazza Navona” scrive ironicamente l’autore del video sulla pagina Facebook del M5S Romano. Ben 7 vigili sono stati mandati dal medico prestato alla politica romana ad acciuffare il pericoloso malvivente reo di aver esposto quadri che ritraevano le bellezze romane. La legge è legge e va rispettata. Peccato che la legge viene fatta rispettare sempre a chi, in genere, la rispetta già.

 

VIDEO

http://www.youtube.com/watch?v=7-dqhZDIGLc&feature=youtu.be

 

L’uomo ha da tempo chiesto al Comune un permesso per poter esporre e vendere le proprie opere pittoriche a tema, tra l’altro, con il contesto urbano. Il bel Marino però non ha ceduto e il simpatico artista ha pensato d’inscenare una protesta pacifica nella piazza. A quel punto il democratico Marino ha ordinato al suo esercito di sequestrare spatole, barattoli di colore, cartello esplicativo della protesta e il piano di lavoro. Una vera e propria retata contro la ‘criminalità organizzata’.

L’attivista del 5Stelle pone delle riflessioni:”Perché quest’artista non ha ricevuto il permesso di vendere le proprie opere in una piazza dove ormai spopolano stampe cinesi, realizzate in serie e vendute da commercianti che nulla hanno a che fare con l’arte? Non sarebbe più interessante fare di Piazza Navona una vetrina per pittori, veri, che espongano, vendano, dipingano anche, dal vivo, le proprie opere? Come mai questo dispiegamento di forze dell’ordine, ben sette agenti, per fermare questo sovversivo criminale, mentre per le strade dello stesso Centro Storico i ristoratori occupano abusivamente il suolo pubblico con file e file di tavolini; automobilisti e motociclisti parcheggiano in qualsiasi divieto di sosta, spesso eliminando i paletti comunali che delimitano i passaggi pedonali; meccanici e carrozzieri trasformano meravigliosi vicoli in depositi di rottami a cielo aperto; residenti e turisti fanno di ogni angolo la pattumiera sotto casa?…E tutto questo sotto gli occhi di istituzioni che si guardano bene dall’intervenire?”.

All’autore del filmato, tanto per cambiare, gli è stato intimato di stoppare le riprese. Tanto per cambiare.

Tempo sprecato, caro Frank, parlare con questa gente. Come ben saprai il mondo è diviso in uomini e caporali: i caporali prendono gli ordini senza sapere nemmeno cosa stanno facendo. Tempo sprecato anche chiedere a Ignazio Marino qualche spiegazione perché lui tra stipendio da senatore, stipendio da sindaco, stipendio da medico e impegni nel Pd non sa che qualcuno ha bisogno di lavorare per campare.

Antonio Del Furbo

 

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *