Sangiuliano, il direttore del Tg2 (verde padano) e le sue domande imbarazzanti

Notizie

Per capire com’è messa l’informazione in Italia basta raccontare ciò che è successo l’altra sera al comizio di Cervia.

Sul palco il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano e il ministro e vicepremier, Matteo Salvini. Si ride, si scherza e, tra una battuta e l’altra, il direttorissimo ha mollato un gancio pesantissimo al ministro dell’Interno ponendogli una domanda imbarazzantissima: “Ministro quanti rubli ha in tasca?”. E Salvini ha risposto: “Mio figlio voleva il gelato e poi è andato in sala giochi, me ne sono rimasti pochi”.

Dunque, caso risolto. Tanto che anche Repubblica e L’Espresso, che hanno condotto un’inchiesta con carte alla mano, non hanno potuto che prendere atto del fatto che Salvini ha finalmente risposto alle domande. Altro che misteri, tangenti e segreti. Tutto chiarito in un confronto tra amici, con risate e battute da osteria. E Salvini, per ringraziare della domanda, ha anche consigliato alla piazza di guardare solo il Tg2, appunto.

Ma chi è il direttorissimo posizionato dal governo (che dall’opposizione gridava ‘fuori i partiti dalla Rai’) alla direzionae del telegiornale del secondo canale pubblico? Intanto è il biografo di Putin e Trump e neo-leghista.

Al Tg2 Salvini è sempre in prima fila. E quando non c’è lui ci sono immigrati assassini e criminali che fanno sentire “la sua mancanza”.  “Meglio una faziosità limpida che una subdola neutralità”, ha teorizzato Sangiuliano in una intervista al Foglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *