Stamina, manda a quel paese il giudice e deve pagare 45mila euro di multa

Notizie

La donna all’udienza presso il tribunale di Brescia per l’accesso alle staminali non ce l’ha fatta e le ha risposto con un Vaffa…

La piccola Valeria ha bisogno di cure perché è nata “per un errore medico in quanto i medici l’hanno soffocata” racconta il papà della piccola, Mauro De Bortoli, a Zone d’Ombra Tv. “A luglio 2013 – prosegue l’uomo di Cazzago San Martino (Bs) – mia moglie, durante l’udienza, chiese al giudice del lavoro se lei con una figlia in quello stato non avesse fatto di tutto per salvarla”. Il giudice avrebbe risposto con un secco:”Stia zitta” e dopo un acceso scambio di opinioni si sarebbe avvicinata alla mamma di Valeria dicendo:”Io se avessi una figlia vegetale come la sua la porterei in Svizzera e le farei l’eutanasia assistita” racconta Mauro. A quel punto la moglie di Mauro chiede il rispetto per il dolore e manda il giudice, tra l’altro donna, a quel paese.

“A marzo di quest’anno – precisa ancora Mauro – abbiamo ricevuto la multa di 45mila euro e siamo dovuti andare a Venezia e prendere due avvocati che, per le prime spese, ci sono già costati 4mila euro. Ora abbiamo fatto opposizione e siamo in attesa della decisione”.

Ora la partita si gioca al tribunale di Venezia perché competente per questo tipo di reato. 

ZdO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *