29enne muore per rottura dell’aorta: era stato dimesso dall’ospedale di Lanciano (Ch) quattro giorni prima. Aperta l’inchiesta.

Notizie

Danilo Cavaliere non ce l’ha fatta: poco dopo le 13 è morto nella sua casa di Palombaro in provincia di Chieti.

Antonio Del Furbo

Il consigliere comunale lunedì scorso era stato ricoverato per degli accertamenti in seguito a un malore presso l’ospedale di Lanciano (Ch). Effettuati i controlli Danilo era stato rimandato a casa perché gli esami avrebbero dato esito negativo.

“Grazie Anto…ieri una giornataccia sono finito in ospedale” mi aveva scritto Danilo su Whatsapp alle 10.21 di martedì per ringraziarmi del link postatogli per un video fatto insieme il sabato prima.

“Che è successo?” gli ho chiesto, e lui:Uno sbalzo di pressione, Dolori all’addome, Battito accelerato. Pare sia o un colpo d’aria o lo stress. Ora sto ko…mi hanno mollato delle gocce per dormire”.

Quindi ci salutiamo. Ieri un suo “mi piace” a un mio post su Facebook e un messaggio mio su Whatsapp alle 13.10:

“Danì, come va, tutto ok? Passato?” ma la risposta non è mai arrivata.

“Vado a mettermi un po’ sul letto”, avrebbe detto il ragazzo ai familiari intorno all’ora del mio messaggio. I familiari raccontano di un dolore alla spalla destra. Poco dopo, la sorella Monia si sarebbe recata in camera per controllare le sue condizioni. Ma Danilo era morto.

La causa del decesso inizialmente era stata attribuita a un infarto. Dopo che la salma è stata portata all’obitorio dell’ospedale di Lanciano per l’autopsia per disposizione della Procura che ha aperto un’inchiesta, si è scoperto che Danilo è morto per la rottura dell’aorta.

Precisamente per “tamponamento cardiaco conseguente ad una dissecazione dell’aorta ascendente nel tratto intrapericardico”.

Dopo  gli esami necroscopici di oggi, si dovranno attendere gli esami istologici dell’istituto di medicina legale di Chieti.

“Lunedì scorso, di pomeriggio, eravamo insieme”, racconta il sindaco di Palombaro, Consuelo di Martino. E aggiunge:Danilo ha accusato un malore, un’accelerazione dei battiti cardiaci e, a quel punto, lo convinco ad accompagnarlo prima all’ospedale di Casoli e poi a quello di Lanciano”.

Esami del sangue, elettrocardiogramma ed eco-cuore: questi gli esami effettuati. Tutto normale, nessun dato fuori posto.

Ma Danilo ora non c’è più.

Laureato in Economia e Commercio, lavorava alla Uni-Pmi Services e aveva una società di servizio alle imprese. Molto attivo nella vita politica e nel sociale. L’ultima iniziativa fortemente voluta da lui è stato l’evento del 19 agosto, nella grotta dell’eremo di Sant’Angelo.

E proprio sabato scorso c’è stata l’ennesima occasione per fondere le nostre idee in unico lavoro: quello di realizzare un video sulla serata musicale svolto nell’eremo. L’altra occasione è stata quella in cui ho denunciato l’inefficienza della Provincia nell’assicurare a Palombaro una via percorribile per l’ingresso nel paese. E lui, molto simpaticamente, si prestò al racconto. 

C’erano in progetto altri esperimenti di comunicazione che stavamo mettendo a punto per far conoscere il paese che amava tanto sotto un’altra ottica. Ma non ce l’abbiamo fatta.

Articolo sull’evento dell’eremo Sant’Angelo

Inchiesta su strada di accesso a Palombaro

{youtube}https://www.youtube.com/watch?v=4Iqg7habHo4{/youtube}  

{youtube}https://www.youtube.com/watch?v=lzX045a9F1A{/youtube}  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *