Battista, candidatura D’Alfonso:”In prima fila lo applaudivano Bellelli e Di Florio”

Notizie

Nessuno si era accorto di ciò che era accaduto qualche giorno fa all’evento tenutosi al Circus di Pescara con Luciano D’Alfonso e Flavio Tosi. Siamo stati gli unici a scrivere che, tra i presenti all’incontro, c’erano Nicola Trifuoggi, ex procuratore Capo della Procura di Pescara, Giampiero Di Florio e Giuseppe Bellelli della procura della repubblica di Pescara e grandi accusatori di Ottaviano Del Turco nel processo Sanitopoli. 

Nessuno si era accorto di ciò che era accaduto qualche giorno fa all’evento tenutosi al Circus di Pescara con Luciano D’Alfonso e Flavio Tosi. Siamo stati gli unici a scrivere che, tra i presenti all’incontro, c’erano Nicola Trifuoggi, ex procuratore Capo della Procura di Pescara, Giampiero Di Florio e Giuseppe Bellelli della procura della repubblica di Pescara e grandi accusatori di Ottaviano Del Turco nel processo Sanitopoli (Papa Luciano accoglie tutti nella sua corte. Procuratori compresi). Non che significasse qualcosa, ma vedere i tre procuratori nei posti d’onore della serata ad applaudire l’ex sindaco i Pescara per presentare la propria candidatura alla Regione, un po’ d’effetto lo faceva. Stranamente, però, nessun organo di stampa se n’è occupato. Solo oggi, quel gran simpatico di “Pigione Battista”, ha commentato su facebook:”Sapete cosa succede a Pescara, attorno alla procura che ha fatto condannare Del Turco? Nicola Trifuoggi appoggia la candidatura nel Pd abruzzese di Luciano D’Alfonso, indagato dalla procura e tutt’ora con quattro processi a carico, due in appello a Pescara. Ad applaudire c’erano Bellelli e Di Florio, i due pm del processo del Turco. Sembra che si possa vedere tutto sulla pagina Facebook di D’Alfonso. Commenti?”. Ovviamente le critiche si sono scatenate sul social network. Appare molto discutibile la presenza dei procuratori, gli stessi che hanno arrestato l’ex governatore e che ora “sposano” la causa dalfonsiana. A distanza di cinque anni da quel 14 luglio 2008 tante sono le domande da farsi e tanti gli eventi che si sono succeduti. Tra cui l’acquisizione di “Villa Pini” da parte della più potente compagine imprenditoriale sanitaria abruzzese. 

ZdO

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *