Da tempo la realtà ha superato la fantasia ma quello che è accaduto stamattina proprio davanti l’ospedale clinicizzato di Chieti ha dell’incredibile. Due auto rimosse per intralcio al traffico ma, mentre vengono spostate, il carro attrezzi si ferma buttando fuori fumo bianco.

Due gli agenti che hanno condotto l’operazione ‘Assalto al  clinicizzato’ lungo via dei Vestini a Chieti. I tutori dell’ordine, pagati dai contribuenti, con pistole tra i denti e blocchetti tra le mani, sono riusciti a far rimuovere due mezzi privati, tra cui un furgone, che posteggiavano lungo la strada.

Evidentemente i proprietari dei mezzi, con ‘spiccato’ senso civico, non hanno assolutamente tenuto conto che, stamane da quelle parti, si aggirassero i Poncherello&Baker teatini che con scaltrezza hanno chiamato i delegati alla rimozione.

Presto fatto. Un primo camion è arrivato intorno alle 10.30 mentre il secondo circa mezz’ora più tardi. I solerti agenti hanno subito dato gli ordini agli operai che hanno subito eseguito le operazioni preliminari.

Non tutto è filato liscio però. La station wagon è ‘stata braccata’ dopo circa 15 minuti. Quando pareva che tutto fosse pronto per spostare l’auto un agente, rivolgendosi all’autista del camion, ha ordinato di attendere l’arrivo del secondo per aiutarlo.  

Finalmente, passati circa 10 minuti, le due auto erano pronte per partire. Peccato però che dopo soli 50 metri dal tubo di scappamento del primo camion è uscito del fumo bianco. A quel punto l’autista si è fermato proprio lungo via dei Vestini bloccando il traffico.

Auto, bus e scooter bloccati. Nessun vigile ad avvertire gli automobilisti. E ci mancherebbe. La domanda sporge spontanea: qualcuno avrà multato il carro attrezzi per il disagio?

Altra domanda: i vigili urbani di Chieti lo sanno che tutte le mattine ci sono auto parcheggiate in quei punti? Noi abbiamo reperito, molto facilmente, una foto di Google street del 2012 in cui un auto era parcheggiata sullo stesso punto della station.

Persino gli americani sanno ciò che accade a Chieti. La municipale no. E se facessero un’azione definitiva per risolvere il problema?

ZdO

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *