Lo Stato perde l’ennesima occasione per allontanare definitivamente da Fontanelle un pericoloso pluripregiudicato

Come dicevo alcuni giorni fa, passerà del tempo, si abbasseranno i riflettori, non vi saranno più risposte “ad orologeria” che pur a qualcosa sono servite e vergognosamente si aspetterà che tutto torni come prima. Forse per piangere un altro morto. Forse semplicemente per constatare l’ennesimo episodio di violenza nel quartiere più caldo di Pescara: Fontanelle. A Fontanelle dei sette sfratti da eseguire ne sono stati fatti tre. Ne mancano ancora quattro e tra questi quattro il più pericoloso. Premettiamo subito che tutti sono pregiudicati ma tra questi vi è un soggetto veramente pericoloso. E la gente da anni aspetta che tale soggetto con al seguito la propria famiglia venga definitivamente allontanato affinchè possa seppur parzialmente tornare la pace e la legalità nella zona. Parliamo di un pluripregiudicato che più di una volta non ha esitato ad usare armi ed a renderle visibili. Per questa mattina era previsto l’ennesimo accesso dell’ufficiale giudiziario presso la sua abitazione per procedere allo sfratto forzoso ma per eseguire lo sfratto c’era bisogno della forza pubblica e nonostante l’ATER avesse richiesto con anticipo la forza pubblica necessaria, dalla questura – purtroppo – fanno sapere che non  sarà possibile fornire la forza pubblica . Forse per mancanza di uomini. Forse per qualche emergenza. Forse. Ed è passata anche questa mattina, lo sfratto non si è eseguito. Il pregiudicato è rimasto in possesso della casa. Il prossimo accesso dell’ufficiale giudiziario ci sarà forse tra sei mesi, forse tra un anno Non prima. E per quel giorno il pluripregiudicato potrà sanare la sua posizione abitativa. Si , è assurdo ma questa è la realtà. I cittadini di Fontanelle dovranno continuare a convivere con questa gente proprio ora che si pensava di essere arrivati finalmente a risolvere gli annosi problemi della sicurezza. Una domanda mi attanaglia : perché le istituzioni si lasciano scappare queste opportunità per ristabilire la legalità in un quartiere ormai martoriato dall’emergenza sicurezza dove i cittadini non riescono più neanche a sognare un domani senza atti delittuosi? Perché? Perché quando si inizia una operazione non la si porta mai a termine (vedi i pochi sfratti eseguiti)? Perché sono stati colpiti gli abusivi meno pericolosi e lasciati indisturbati coloro che mettono a serio rischio l’incolumità quotidiana dei residenti? Queste tutte domande che non avranno mai risposta. 

 

di Domenico Pettinari  Segretario Codici

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *