Conte ammette: "costretti a compiere bilanciamento tra diritti e libertà fondamentali"

Dunque, come si era largamente intuito, le cose non stanno proprio come le racconta il premier Giuseppe Conte.

Un governo assente, un premier poco lucido e un lockdown alle porte

Pur difendendo l’operato del governo nei mesi passati, Giuseppe Conte ha ammesso che qualcosa non è andato per il verso giusto. “Ancora una volta siamo costretti a compiere una sofferta operazione di bilanciamento tra diritti e libertà fondamentali. L’obiettivo è di individuare il punto di equilibrio. Vogliamo assicurare alla salute la tutela più intensa, comporti il minor sacrificio possibile degli altri diritti fondamentali pure coinvolti”.

Nuovo Dpcm: “Limitare gli spostamenti”. Quota 15mila contagi

Il premier resta però fiducioso sull’operato del governo. Ha svelato che tutto sarebbe sotto controllo: “Siamo ancora dentro la pandemia. Il costante aumento dei contagi ci impone di tenere l’attenzione altissima: stavolta, però forti dell’esperienza della scorsa primavera, dobbiamo adoperarci, rimanendo vigili e prudenti. Pronti a intervenire nuovamente se necessario”.

Ha annunciato nuovi investimenti per il mondo del lavoro: “Rifinanziamo con 5 miliardi un nuovo e ulteriore ciclo della cassa integrazione, prevedendo la gratuità della cassa integrazione per le imprese che hanno registrato perdite oltre una soglia predeterminata”.

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *