Il governo Draghi giura al Quirinale: parte il nuovo governo in era Covid

Alle 12 di oggi l’Italia è entrata nell’era Draghi, con il giuramento dei ministri annunciati ieri sera dal nuovo presidente del Consiglio. In tutto 23 personalità — qui l’elenco completo con le biografie — con 15 uomini e 8 donne.

La cerimonia si è svolta nel Salone delle feste del Quirinale; i giornalisti hanno dovuto seguirla in diretta streaming, per rispetto della normativa contro la diffusione del coronavirus. Dopo il giuramento, la cerimonia del passaggio della campanella tra Conte e Draghi; poi il primo Consiglio dei ministri del nuovo esecutivo.

Nessun parente e niente giornalisti. Distanziamento, mascherine, vietate strette di mano, penna sanificata e cerimonia in streaming. Il giuramento del nuovo esecutivo è avvenuto con qualche minuto di anticipo rispetto all’orario fissato.

L’insediamento è avvenuto al Quirinale davanti al capo dello Stato, Sergio Mattarella, del premier Mario Draghi e di tutti i suoi 23 ministri. Il primo in era Covid. Tutti in abiti eleganti e tutti rigorosamente con la mascherina Ffp2 sul viso, seduti distanziati nel Salone delle Feste.

“Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della Nazione” ha detto Mario Draghi. Il nuovo esecutivo guidato dall’ex numero uno della Bce inizia così il suo cammino.

Dopo il premier, la nomina di tutti gli altri 23 ministri, partendo da Federico D’Incà (Rapporti con il Parlamento).

Il governo ha così giurato ed è operativo. Draghi poco prima delle 13 ha lasciato il Colle e ha raggiunto Palazzo Chigi. Qui ad attenderlo l’ex avvocato del popolo, Giuseppe Conte: prima un colloquio privato nella sala dei Galeoni, poi il passaggio di testimone con la cerimonia della Campanella, utilizzata per aprire le riunioni del Consiglio dei ministri. Quindi, al termine, è previsto il primo Cdm del governo Draghi che, come primo atto, insedia il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Roberto Garofoli. Mercoledì la fiducia in Senato e giovedì alla Camera, ma tutto potrebbe svolgersi anche nella sola giornata di mercoledì.

Il passaggio della Campanella

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *