Un lunghissimo corteo si è snodato tra la zona industriale di Marcianese e piazza Plebiscito per continuare una protesta partita da molto lontano con il Centro Oli di Ortona per poi passare alle piattaforme Elsa 2, Rospo Mare e Ombrina Mare. Antonio Del Furbo

Il dito è puntato contro chi, secondo i manifestanti, sono i responsabili di questo ‘disastro’: governo nazionale e regionale. Renzi e D’Alfonso. “In tantissimi hanno creduto alle tue parole in campagna elettorale” ha detto uno degli organizzatori dal palco rivolgendosi al presidente della Regione Abruzzo “quando hai detto che mai e poi mai in Abruzzo sarebbero arrivati gli Ufo. E ora che sono arrivati all’orizzonte cosa ci dici?”

Tanti gli slogan: “Mare e costa, è tutta roba nostra”. E ancora: “Pane e olio senza petrolio”. Dalla Basilicata sono arrivati i Notriv. Hanno partecipato anche i comitati ambientalisti contro lo stoccaggio gas della Lombardia, il Forum Acque Molise e i centri sociali milanesi, marchigiani, trentini, fino ai comitati napoletani per Bagnoli e le associazioni dei terremotati aquilani. Persino due consiglieri comunali di un paese svizzero che raggiungono l’Abruzzo per le ferie estive.

“In questa città la battaglia è iniziata tantissimi anni fa quando i contadini si opponevano alla Sangro Chimica” ha detto il sindaco di Lanciano e presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo.

{youtube}http://www.youtube.com/watch?v=Lg6LbXeFWkg&feature=youtu.be{/youtube}

Infine il monito del parroco di Caivano, Don Maurizio Patriciello:“Noi siamo stai ingannati per anni dicendoci che il probelma nostro era la monnezza. Il problema nostro erano i rifiuti industriali che dalle regioni del Nord arrivavano in Campania e venivano sotterrati e bruciati. Se avessimo avuto uno Stato attento, una classe politica attenta, questo scempio non sarebbe arrivato. Mi raccomando voi arrivate prima”. 

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *