Luca Colombo, ecco il potente capo di Facebook in Italia
Luca Colombo, ecco il potente capo di Facebook in Italia
Spread the love

È a capo di Facebook Italia perché lo ha voluto Mark Zuckerberg. Si chiama Luca Colombo ed è il country manager del social network da novembre del 2010.

Luca Colombo, brianzolo di nascita, classe 1970, si trova a capo dell’azienda che domina il mercato pubblicitario nostrano e che mira a influenzare e indirizzare la transizione digitale finanziata dai fondi pubblici del Pnrr.

Il numero uno italiano del gruppo statunitense, a cui fanno capo anche Instagram e Whatsapp, è al centro di una ragnatela di relazioni che ne fanno un uomo chiave sul mercato dei media. Un nome molto pesante anche nei rapporti con il governo e con l’authority delle comunicazioni, l’Agcom. Oltre allo sviluppo della piattaforma Colombo ha tra le mani una serie di iniziative parallele, da investitore in proprio.

Le attività di Colombo

Come riferisce L’Espresso, tre anni fa Colombo si è messo in società con Valerio Perego, un altro manager del social network con i gradi di direttore vendite. I due colleghi hanno fondato una holding di partecipazioni, la Prima Base, a cui fanno capo attività molto diverse tra loro.

L’elenco comprende alcune piccole quote in società con il marchio Dvr, gruppo milanese guidato dal finanziere Carlo Daveri che con altri amici-investitori ha finanziato numerose startup. Gli investimenti più consistenti della coppia Colombo-Perego si sono concentrati su bar, caffetterie e simili. Ne controllano una mezza dozzina, quasi sempre all’interno di grandi centri commerciali nei dintorni di Milano.

LEGGI ANCHE:

Corre su internet, invece, il business di Weroad, la piattaforma online specializzata in viaggi avventura per giovani di cui Colombo e l’amico Perego hanno comprato ciascuno una piccola quota, meno dell’uno per cento. I due manager di Faceboook hanno risposto all’invito del fondatore Paolo De Nadai, giovane imprenditore molto noto nel mondo delle startup digitali.

Tra i sostenitori di De Nadai c’è la presidente della Rai, Marinella Soldi, Carlo De Benedetti, i banchieri Corrado Passera e Guglielmo Notarbartolo, la campionessa di sci Sofia Goggia. Weroad è decollata nel 2019, ma ha subito dovuto fare i conti con la pandemia che ha travolto il business globale del turismo.

Un pensiero su “Luca Colombo, ecco il potente capo di Facebook in Italia”
  1. Sono stato oggetto di una sospensione ingiusta su FB. Non mi è stato dato modo di spiegare l’equivoco in cui chi giudica è caduto. Non sono stato io a infrangere regole unilaterali, che ritengo giudizi da inquisizione. Sono stato pesantemente offeso negli affetti familiari, e ho risposto con veemenza a un tizio, con cui non avevo l’amicizia e intervenuto in un dialogo con un mio amico. Ma senza odio alcuno nelle mie parole, interpretate invece in tal senso dagli inquisitori di FB. Inoltre l’alterco è avvenuto il 30 maggio e la sospensione dopo quasi due mesi, il 22 luglio di quest’anno. A chi rivolgersi per simili ingiustizie? Vito Petino, iscritto a FB dal gennaio 2009, amministratore di 11 gruppi e iscritto ad altri 30…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segnalaci la tua notizia