Nuovo Dpcm: multe salate e soldati per strada. La firma del ministro dell'Interno

Il governo è pronto a varare il nuovo Dpcm il prossimo mercoledì 7 ottobre, per via dell’aumento del numero di contagi da Coronavirus. Tra le novità, quella dell’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto, pena il pagamento di una multa salata.

In arrivo il nuovo Dpcm: mascherine all’aperto. “Il ritorno” alla pandemia

Torna, dunque, lo spettro di un nuovo lockdown. Il provvedimento prevede un passaggio in Parlamento. Le norme che maggiormente riguardano la vita quotidiana degli italiani saranno illustrate direttamente del ministro della Salute Roberto Speranza.

Nuovo dpcm anti-Covid: mascherine all’aperto e supporto dell’Esercito

Le restrizioni in esame sono già state attuate da alcune Regioni, che hanno scelto di agire in modo autonomo nel tentativo di limitare la diffusione del virus sul territorio. Restrizioni che saranno estese a livello nazionale. L’obbligo di indossare la mascherina decadrà esclusivamente in quei casi nei quali ci si può venire a trovare da soli, come al volante della propria autovettura, sullo scooter, sulla bici, o durante corse o passeggiate effettuate in luoghi non particolarmente frequentati.

Potenziamento dei controlli

Per vigilare sul rispetto delle nuove norme di contenimento è previsto un potenziamento dei controlli da parte delle forze dell’ordine, oltre che un inasprimento delle sanzioni previste per i trasgressori. Sanzioni che potranno andare da 550 fino a 3mila euro per chi sarà sorpreso senza mascherina o per chi la porterà sotto il naso. Oltre a ciò, si potrà arrivare addirittura alla possibilità di chiusura dei locali, bar e ristoranti che non vigileranno sul rispetto delle dette norme da parte dei clienti presenti.

La firma del ministro dell’Interno per l’uso dei militari

Il governo ha già previsto anche l’impiego delle forze militari. Una circolare è stata firmata due giorni fa dal capo di gabinetto del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ovvero il prefetto Bruno Frattasi. Dunque, anche l’Esercito effettuerà la vigilanza sul rispetto delle nuove norme.

Esercito e forze dell’ordine in allarme: un piano contro i disordini

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *