Palamara-gate: il pm romano è solo la punta dell'iceberg. Gasparri: "le cene di Pignatone"

Palamara-gate: il pm romano è solo la punta dell’iceberg. Spuntano “le cene di Pignatone”

Senza categoria

“Luca Palamara è solo la punta dell’iceberg di un sistema in cui una minoranza di magistrati detta legge”. Sul Palamara-gate si esprime Maurizio Gasparri che chiede una “commissione di inchiesta sulla magistratura e sulle sue interferenze con la vita politica e sull’assenza di trasparenza nelle scelte e nelle procedute seguite dal Csm”.

“Leggiamo ad esempio – continua Gasparri – l’attivismo dell’allora procuratore di Roma Pignatone. Sempre presente e attento in queste intercettazioni nel valutare e giudicare designazioni e nomine. Leggiamo in queste ore anche di cene in cui Pignatone si accompagnava con persone che avrebbe fatto meglio a non frequentare perché implicate in giudizi relativi ad inchieste svolte dalla stessa procura. Ma questi che hanno brandito il concetto del conflitto d’interessi lo hanno mai applicato a se stessi?”.

Insomma, il Palamara-gate sembra essere qualcosa di molto più devastante. Secondo Gasparri l’inchiesta parlamentare deve puntare soprattutto “sulla procura di Roma e sulle persecuzioni che ha subito in passato Silvio Berlusconi. A Roma il Pd risulta miracolosamente indenne da conseguenze gravi. Sia nel passato che nel presente. Del resto quando leggiamo le relazioni tra Palamara e Zingaretti con auguri e felicitazioni telefoniche, capiamo molte cose. Su questo deve indagare il Parlamento – chiosa il vicepresidente del Senato – e chi si opporrà compirà un atto illecito contro il quale mi batterò in tutte le sedi. Non avranno né sconti né tregua”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *