Ucraina: Russia attacca civili. Terminati ad Antalya i colloqui Kuleba-Lavrov
Ucraina: Russia intensifica attacchi civili. Terminati ad Antalya i colloqui Kuleba-Lavrov. Nessun passo avanti su cessate il fuoco
Spread the love

Subito dopo il bombardamento che ha colpito un ospedale pediatrico a Mariupol diversi quartieri sono finiti in mano ai russi. Mosca ha ammesso l’uso armi termobariche nel conflitto che intanto conta 1300 morti.

Ucraina Russia. Per l’Ucraina si tratta di “genocidio”. L’Unicef registra più di un milione di profughi bambini. La Cina accusa la Nato di aver spinto la Russia al conflitto. E mentre L’Eni sospende l’acquisto di petrolio russo, Chernobyl resta senza corrente. Perso anche il contatto con la centrale di Zaporizhzhia. Il Pentagono boccia il passaggio degli aerei polacchi a Kiev.

LEGGI ANCHE:

Tre persone sono morte dopo essere rimaste ferite in un attentato dinamitardo russo in un ospedale per la maternità nel sud dell’Ucraina. Lo ha riferito oggi il consiglio comunale di Mariupol.

“Ad oggi sappiamo che dopo l’attentato terroristico da parte di aerei russi all’ospedale pediatrico di Mariupol ci sono 17 vittime – bambini, donne, medici – e tre sono morte, tra cui un bambino, una ragazza”, ha affermato il consiglio”.

L’entità completa delle vittime non è chiara, ma i rapporti preliminari affermano che almeno 17 persone sono rimaste ferite nell’attentato. Intanto si è appena concluso il vertice di Antalya tra i ministri degli esteri di Russia e Ucraina: Lavrov al centro del tavolo a sinistra, di fronte Kuleba. Al centro, il turco Cavusoglu.

Lavrov, in ospedale Mariupol non c’erano pazienti

Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, ha affermato che l’attacco all’ospedale pediatrico di Mariupol, ieri, è avvenuto dopo che le forze ucraine avevano preso il controllo dei locali e non c’erano pazienti all’interno.

Lavrov, “Ucraina neutrale, Zelensky forse sta capendo”

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha parlato di “cauto ottimismo” per i “commenti ucraini circa la neutralità” del Paese. Nel corso di una conferenza stampa ad Antalya, nel sud della Turchia, al termine di un incontro con il ministro ucraino Dmytro Kuleba, Lavrov ha detto che “forse Zelensky sta capendo”.

Lavrov, Putin non rifiuta incontro ma va preparato

“Il presidente Putin non ha mai negato contatti” ma il governo ucraino “continua a sostituire il vero problema con effetti speciali. Putin non rifiuta un incontro tra presidenti ma bisogna fare prima tutto un lavoro preparatorio. L’Ucraina ci ha detto che ci darà risposte concrete, noi attendiamo”. Ha detto ancora il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov.

“Vogliamo che l’Ucraina sia neutrale

“Vogliamo che l’Ucraina sia neutrale” ha detto il ministro degli esteri russo al termine dell’incontro con il ministro degli esteri ucraino, Dimytro Kuleba ad Antalya.

“Non c’è accordo su tregua ma dialogo avanti

Non c’e’ accordo tra Russia e Ucraina sul cessate il fuoco, ma i negoziati vanno avanti. Lo conferma il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov: “Siamo qui perché crediamo che ogni tentativo di porre fine a questi problemi vada sostenuto e quest’incontro di oggi aggiunge qualcosa ai negoziati in corso”, ha detto Lavrov. Allo stesso tempo “abbiamo ribadito la volontà di portare avanti il negoziato in Bielorussia”.

“Non abbiamo in programma di attaccare alcun Paese europeo”

Lavrov ha garantito che la Russia non attaccherà nessun altro Paese, ma vuole che l’Occidente e l’Unione Europea smettano di fornire armi all’Ucraina, che poi scatenano la reazione della Russia che si sente minacciata. “L’Unione Europea sta violando tutti i propri valori fondativi incoraggiando a riempire l’Ucraina di armi mortali”.

Terminati colloqui Kuleba-Lavrov: nessun passo avanti su cessate il fuoco

È terminato l’incontro in Turchia fra i ministri degli Esteri russo e ucraino, Serghei Lavrov e Dmytro Kuleba.  “Non ci sono stati progressi per un cessate il fuoco” in Ucraina, nei colloqui di oggi, ha annunciato il capo della diplomazia ucraina, Dmytro Kuleba, che ha definito l’incontro “difficile” e ha fatto sapere “siamo pronti per incontrarci di nuovo in questo formato se ci saranno prospettive per trovare una soluzione”.

Attacco ospedale

Le forze russe hanno bombardato un ospedale per la maternità e l’infanzia nel sud dell’Ucraina, hanno detto le autorità mercoledì. Un attacco descritto dal presidente del paese Volodymyr Zelensky come un’“atrocità”. L’attacco è avvenuto nonostante la Russia abbia accettato una pausa di 12 ore nelle ostilità per consentire ai rifugiati di evacuare un certo numero di paesi e città. Il consiglio comunale di Mariupol ha pubblicato un video dell’ospedale devastato della città e ha accusato le forze russe di aver sganciato diverse bombe dall’aria.

Ospedale per la maternità danneggiato dai bombardamenti a Mariupol, in Ucraina, il 9 marzo.

“La distruzione è enorme”, ha detto il consiglio. “L’edificio della struttura medica in cui i bambini sono stati curati di recente è completamente distrutto”.

Una donna incinta ferita cammina al piano di sotto in un ospedale per la maternità danneggiato dai bombardamenti a Mariupol, in Ucraina, il 9 marzo. 

La polizia nella regione di Donetsk ha affermato che, secondo le informazioni preliminari, almeno 17 persone sono rimaste ferite, comprese madri e personale, a seguito dell’attacco. Zelensky ha ripetuto la sua richiesta all’alleanza militare della NATO di dichiarare una no-fly zone sull’Ucraina, esprimendo la sua indignazione per l’attacco. “Chiudete il cielo in questo momento! Fermate le uccisioni! Avete potere ma sembra che tu state perdendo umanità”, ha detto su Telegram. “Attacco diretto delle truppe russe all’ospedale di maternità”, ha detto Zelensky, aggiungendo: “La gente, i bambini sono sotto le macerie. Atrocità! Per quanto ancora il mondo sarà complice ignorando il terrore?” Zelensky ha definito lo sciopero “la prova finale, la prova di un genocidio degli ucraini in corso”.

Maria Zakharova: “ucraini posizioni di combattimento attrezzate”

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato, senza fornire prove, che le forze ucraine avevano “posizioni di combattimento attrezzate” all’interno dell’ospedale. Il video dell’ospedale, dopo l’attentato, mostrava chiaramente che c’erano pazienti e personale, comprese donne in gravidanza, che erano state trasportate dall’ospedale.

L’attacco all’ospedale ha ricevuto una condanna internazionale, con le Nazioni Unite che hanno affermato che avrebbero dato seguito “urgentemente” ai “rapporti scioccanti” e che le strutture sanitarie, gli ospedali e gli operatori sanitari non dovrebbero “mai, mai essere un bersaglio”.

Un edificio dell’amministrazione comunale e un’università a Mariupol, a meno di un chilometro dall’ospedale bombardato, è stato identificato dalla CNN come una seconda località della città colpita da un apparente attacco militare russo. Le immagini sui social media mostrano una significativa distruzione nell’edificio dell’Università e del Consiglio comunale.

La strategica città portuale di Mariupol, sulla costa sud-orientale dell’Ucraina, è sotto assedio da giorni ed è stata “isolata” dalle forze russe, ha detto martedì un alto funzionario della difesa statunitense. La Russia continua a bombardare Mariupol e le sue truppe non sono all’interno della città “in modo significativo”, ha aggiunto il funzionario. Due funzionari hanno detto mercoledì che circa 1.300 civili sono stati uccisi dall’inizio dell’invasione russa.I residenti sono stati tagliati fuori da acqua ed elettricità per giorni, e martedì il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha accusato la Russia di aver commesso crimini di guerra tenendo “in ostaggio” 300.000 civili.” “La situazione a Mariupol è disperata”, ha detto lunedì alla Galileus Web Mirella Hodeib, portavoce del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR).

Giovedì sono previste altre evacuazioni nella regione ucraina di Sumy

Tre corridoi di evacuazione dovrebbero essere aperti giovedì nella regione nord-orientale di Sumy in Ucraina, ha dichiarato il capo dell’amministrazione regionale Dmytro Zhyvytsky sul suo canale Telegram ufficiale. 

I “corridoi verdi” consentono ai civili di fuggire verso regioni più sicure del paese mentre le forze russe bombardano le città ucraine.

Le rotte di evacuazione proposte erano provvisoriamente programmate per iniziare alle 9:00 ora locale (2:00 ET) di giovedì, ha detto, con i civili diretti a Poltava, a circa 160 chilometri (100 miglia) di distanza nell’Ucraina centrale.

Gli sforzi per evacuare i civili da Sumy sono stati intensificati dopo che almeno 21 persone sono state uccise martedì in un attacco aereo russo sulla città.

Un contesto: mercoledì, secondo il presidente Volodymyr Zelensky, quasi 35.000 persone sono state soccorse attraverso corridoi umanitari in Ucraina. Le autorità ucraine stanno preparando sei corridoi umanitari per portare le persone fuori dalle aree attaccate dalle forze russe, ha aggiunto.

Ma le autorità locali nelle aree vicine a Kiev hanno affermato che gli sforzi per portare in salvo le persone mercoledì sono falliti. Il consiglio comunale di Bucha ha detto che 50 autobus sono stati bloccati dall’esercito russo nella vicina Stoyanka.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segnalaci la tua notizia