Spread the love

Dire che ce l’abbiamo con Massimo Luciani, francamente, sarebbe una bugia. Tutte le volte che in passato abbiamo avuto a che fare con questo signore, non ci siamo mai trovati male con lui. Nei nostri riguardi è sempre stato gentile e disponibile, quindi sarebbe davvero da “str…i” criticarlo tout court. Però una cosa la dobbiamo dire: “A Massimo, basta!”.

Dire che ce l’abbiamo con Massimo Luciani, francamente, sarebbe una bugia. Tutte le volte che in passato abbiamo avuto a che fare con questo signore, non ci siamo mai trovati male con lui. Nei nostri riguardi è sempre stato gentile e disponibile, quindi sarebbe davvero da “str…i” criticarlo tout court. Però una cosa la dobbiamo dire: “A Massimo, basta!”. Sì, perchè adesso Luciani è “riapparso” sulla scena politica dopo un breve periodo di oblio seguito alla sua fuoriuscita – a livello “ufficiale” – dal giro di Luciano D’Alfonso. Spieghiamola meglio: nella prima giunta comunale di ‘Big Luciano’, il buon Massimo ricopriva l’importante ruolo di assessore alle politiche comunitarie, e per questa sua esperienza è stato successivamente impegnato anche nell’associazionismo. Quando nel 2008 si tornò alle urne e D’Alfonso venne confermato sindaco di Pescara, Luciani rimase fuori dai giochi perchè non si era ricandidato. Tuttavia si decise di farlo rientrare dalla finestra assumendolo per 5 anni nello staff del primo cittadino.

Le polemiche e le dimissioni

Peccato che l’idea non piacque affatto all’opposizione di centrodestra, che scatenò un vero e proprio putiferio. E proprio a seguito delle violente polemiche che scaturirono da questo annuncio, il povero Luciani fu costretto a rinunciare all’incarico: «Caro Luciano – si leggeva in un’accorata lettera aperta indirizzata all’allora sindaco D’Alfonso – l’idea di poter continuare questo progetto nel tuo staff era un’opportunità di cui ti sono grato. Il polverone che è stato prodotto mi induce però a rinunciare. Lo spessore, la forza e i contenuti dei successi dell’amministrazione comunale non vanno sottoposti a strumentali polemiche». Il clima, in città, si era fatto sempre più teso in quei giorni caldi di cinque anni fa. E così il ‘Nostro’ decise di dimettersi.

“Volgarità e pressappochismo” contro l’Obama pescarese

Ma non finisce qui: in un crescendo rossiniano, Massimo aggiungeva che «siamo in un tempo, in questa città, in cui la battaglia politica sta degenerando nella volgarità, nel pressappochismo, nell’inconsistenza di argomentazioni, e bisogna sgomberare il campo dalle strumentalizzazioni». Roba da boato post discorso di Barak Obama. «Con il solito stile di sobrietà», concludeva, appunto sobriamente, Luciani, «continuerò a collaborare con il Comune di Pescara negli incarichi associativi che ricopro». Amen. Eppure Luciani, da assessore, aveva sviluppato e maturato una certa competenza; la stessa che aveva spinto D’Alfonso ad ‘assumerlo’Per dirne una, nel febbraio 2008 (quindi negli ultimi mesi della prima giunta D’Alfonso) Massimo Luciani si recò a Roma, presso il Ministero degli Affari Esteri, su invito di Cosimo Risi, Ministro plenipotenziario e Membro del Consiglio dei Governatori della Fondazione Anna Lindh, per partecipare a una riunione della Rete Italiana della Fondazione Anna Lindh incentrata sulla campagna 1001 Actions for Dialogue.

Alla corte del “Sempre triste”

“Cultura e dialogo sono le parole chiave dell’agire nello spazio mediterraneo – disse nell’occasione Luciani-Obama – Le Città possono svolgere un ruolo importante sul tema del dialogo interculturale perché, grazie alla mobilità umana, è nelle aree urbane che insiste la maggiore pluralità di culture. La Città di Pescara è ormai inserita nelle reti europee più importanti e occorre dare continuità al lavoro svolto fin qui perché è nella cooperazione tra le reti che l’Unione Europea rintraccia la strategia che sarà premiata dalla prossima programmazione. Pescara deve investire sulla sua vocazione adriatica e mediterranea anche per la promozione e il consolidamento di una cultura di pace e convivenza”. Verrebbe voglia di dire ‘dalla pace e la convivenza a Ecosfera’, dove qualche tempo dopo ritroviamo Luciani in qualità di consulente. Ma questa è storia del passato. Ora abbiamo scoperto che Massimo Luciani fa parte… della segreteria del sottosegretario Giovanni Legnini! Sì, proprio lui: il Giò “sempre triste”. Una coppia mitica, non c’è che dire. E allora bentornato, Massimo. Anche se, in fondo, non te ne eri mai andato.

Giovanni Luciano Massimi Legnino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segnalaci la tua notizia