Guerra in Ucraina, negoziatore russo: "non è un cessate il fuoco"
Guerra in Ucraina, negoziatore russo: la riduzione dell'escalation intorno a Kiev e Chernihiv "non è un cessate il fuoco"
Spread the love

L’assistente presidenziale russo Vladimir Medinsky ha affermato che l’annuncio dei piani per una riduzione dell’escalation da parte dell’esercito russo intorno a Kiev e Chernihiv “non è un cessate il fuoco”.

Guerra in Ucraina. In un commento al canale statale russo RT, Medinsky ha affermato che il primo passo concordato dalla Russia nei colloqui con l’Ucraina “riguarda una graduale riduzione dell’escalation militare in due direzioni principali Kiev e Chernihiv”. Aggiungendo, “capiamo che ci sono persone in Kiev che deve prendere decisioni, quindi non vogliamo esporre questa città a rischi aggiuntivi”.

I paesi europei espellono i diplomatici russi e gli ufficiali dell’intelligence

Diversi paesi hanno annunciato che stanno espellendo i diplomatici russi dai loro paesi. Secondo il ministero degli Affari esteri olandese, i Paesi Bassi hanno espulso 17 ufficiali dell’intelligence russa assegnati a diplomatici russi nel paese. In un tweet ha affermato che la decisione si basava su informazioni provenienti dai servizi di intelligence e sicurezza olandesi che nominavano gli ufficiali russi una minaccia alla sicurezza nazionale. “Questo passo è compiuto in coordinamento con altri paesi che la pensano allo stesso modo”, ha aggiunto.

Il ministero degli Esteri russo conferma l’espulsione di 17 diplomatici

Il Belgio sta espellendo 21 diplomatici russi identificati come coinvolti in attività di spionaggio e “influenza”, dice il ministro degli Esteri belga Sophie Wilmes. Il ministro ha aggiunto che i diplomatici provengono dall’ambasciata e dal consolato russi.

Anche l’Irlanda e la Repubblica Ceca hanno espulso un totale di cinque diplomatici russi.

L’Irlanda ha espulso quattro alti funzionari diplomatici russi, ha affermato in una nota il ministro degli Affari esteri irlandese Simon Coveney. Coveney ha detto che il suo ministero aveva informato l’ambasciatore russo della decisione del governo di espellere i diplomatici. Il motivo è perché le loro attività non erano “conformi agli standard internazionali di comportamento diplomatico”. 

Nella Repubblica Ceca, un diplomatico russo presso l’ambasciata a Praga è dichiarato “persona non grata”, spiega il ministero degli Affari esteri ceco. Perché insieme ai loro alleati stavano “riducendo la presenza dell’intelligence russa nell’UE”

Generale degli Stati Uniti: “potrebbe esserci” un divario di informazioni

Il generale Tod Wolters, comandante del comando europeo degli Stati Uniti, dice che “potrebbe esserci” una lacuna di intelligence nella raccolta di informazioni degli Stati Uniti. Fatto che induce gli Stati Uniti a sopravvalutare la capacità della Russia e sottovalutare la capacità difensiva dell’Ucraina nell’attuale crisi. Wolters ha fatto i commenti durante un’audizione della Commissione per i servizi armati del Senato martedì. 

Quando il senatore Roger Wicker, un repubblicano del Mississippi, ha chiesto se ci fosse un divario di intelligence tale da indurre gli Stati Uniti a sopravvalutare la Russia e sottovalutare l’Ucraina, Wolters ha detto che “potrebbe esserci”. “Potrebbero esserci e come abbiamo sempre fatto in passato, quando questa crisi sarà finita, realizzeremo una revisione post-azione completa in tutti i domini e in tutti i dipartimenti e scopriremo dove si trovavano le nostre aree deboli e ci assicureremo di può trovare modi per migliorare e questa potrebbe essere una di quelle aree”, ha affermato Wolters.

Sui progressi ucraini: Wolters ha detto che crede che le forze ucraine saranno in grado di fermare i russi nell’est del paese.

Ha anche affermato che dal 70% al 75% delle forze russe sono “dedicate” all’invasione ucraina “dal punto di vista russo in questo momento”.

Blinken: gli Stati Uniti non reputano la Russia seria nei colloqui con l’Ucraina

Il segretario di Stato Antony Blinken ha affermato di non aver visto segni che i colloqui tra Ucraina e Russia stiano “avanzando in modo efficace”. Per gli Stati Uniti non ci sono “segni di reale serietà” da parte della Russia.

“C’è quello che dice la Russia, e c’è quello che fa la Russia. Siamo concentrati su quest’ultimo”, ha detto Blinken in una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri marocchino Nasser Bourita.

“Se in qualche modo credono che uno sforzo per soggiogare ‘solo’ la parte orientale e la parte meridionale dell’Ucraina possa avere successo, allora ancora una volta si stanno ingannando profondamente”, ha detto Blinken. 

Blinken ha chiesto alla Russia di “porre fine all’aggressione ora, smettere di sparare, ritirare le sue forze e, naturalmente, impegnarsi in colloqui”.

L’Ucraina invitata a partecipare alla riunione dei ministri degli esteri della NATO la prossima settimana

L’Ucraina e un certo numero di paesi non NATO sono stati invitati a partecipare a una riunione con alcuni ministri degli esteri della NATO. Incontro che si svolgerà la prossima settimana, secondo una dichiarazione dell’alleanza militare con sede a Bruxelles.

La NATO ha affermato che “i ministri degli Affari esteri di Australia, Finlandia, Georgia, Giappone, Repubblica di Corea, Nuova Zelanda, Svezia e Ucraina, nonché l’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri” parteciperanno a una sessione dell’incontro il 7 aprile.

Alcuni dei ministri “possono partecipare tramite collegamento video”, ha aggiunto la dichiarazione.

I ministri degli Esteri dei 30 paesi della NATO si riuniranno per la seconda volta dall’invasione russa dell’Ucraina. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segnalaci la tua notizia