Russia-Ucraina: la Croce rossa non riesce a raggiungere Kiev. Morti per strada
Spread the love

La squadra internazionale della Croce Rossa non è riuscita a raggiungere Mariupol e ci riproverà domani

Russia-Ucraina. Una squadra del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) in viaggio verso Mariupol ha affermato di non essere stata in grado di raggiungere la città assediata per facilitare il passaggio sicuro dei civili. Nove membri del team del CICR – che viaggiavano in tre veicoli – hanno dovuto tornare a Zaporizhzhia a causa delle condizioni che “hanno reso impossibile procedere” a Mariupol.

La squadra ha in programma di provare a fare di nuovo il viaggio nella città assediata sabato. “Affinché l’operazione abbia successo, è fondamentale che le parti rispettino gli accordi e forniscano le condizioni e le garanzie di sicurezza necessarie”, ha affermato il CICR.

Il CICR afferma di agire come un “intermediario neutrale” con piani “per accompagnare il convoglio da Mariupol in un’altra città in Ucraina”.

“La nostra presenza metterà un segno umanitario su questo movimento pianificato di persone, fornendo al convoglio una protezione aggiuntiva e ricordando a tutte le parti la natura civile e umanitaria dell’operazione”.

La distruzione nel sobborgo di Kiev

Mentre le forze ucraine hanno ripreso Irpin dai russi, la periferia di Kiev è stata lasciata in rovina. Secondo le autorità locali, circa il 50% delle infrastrutture critiche è stato distrutto. I funzionari stanno recuperando i corpi delle persone uccise nelle settimane precedenti. “Alcuni sono stati per le strade per settimane e solo ora possono essere rimossi”, ha riferito Fred Pleitgen alla CNN.

Il recupero del rublo

L’economia russa è stata devastata dalle sanzioni occidentali. E la rapida ripresa del rublo è stata resa possibile solo dagli sforzi di Mosca per sostenere la valuta. Lo ha detto ha un alto funzionario del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

I commenti arrivano dopo che alcuni hanno affermato che il rapido recupero del rublo dal suo crollo iniziale è segno che le sanzioni occidentali non hanno sortito effetti per la Russia.

Durante una telefonata con i giornalisti, l’alto funzionario del Tesoro ha affermato che l’economia russa sta precipitando nella recessione e viene schiacciata dall’inflazione paralizzante.

Sebbene il rublo sia tornato ai livelli pre-invasione, il funzionario del Tesoro ha affermato che il potere d’acquisto della valuta è stato decimato dai prezzi alle stelle in Russia.

I funzionari in Russia hanno cercato di sostenere il rublo. In parte ordinando agli esportatori di scambiare l’80% delle loro entrate in valuta estera con rubli, in parte vietando ai broker russi di vendere titoli e ai residenti di effettuare bonifici al di fuori di Russia e altri passi. I passaggi hanno aumentato artificialmente la domanda per il rublo.

In un segno della debolezza di fondo del rublo, nelle ultime settimane è emerso un mercato nero per il cambio del rublo con valuta estera, ha affermato l’alto funzionario del Tesoro. Aggiungendo che il rublo è significativamente deprezzato in questo mercato nero. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segnalaci la tua notizia