Vaccino Pfizer-Biontech, Agenzia europea del farmaco e Commissione Ue danno il via libera

La buona notizia che tutti aspettavamo è finalmente giunta: il vaccino Pfizer-Biontech “sarà disponibile per tutti gli Stati membri nello stesso momento e alle stesse condizioni” e la vaccinazione inizierà “il 27, 28 e 29 dicembre“.

L’Agenza europea del farmaco ha dato l’ok condizionale al vaccino anti-Covid PfizerBioNTech. Ciò significa che il farmaco – registrato con il nome di ‘Comirnaty‘ – ha superato tutti i controlli di sicurezza previsti dai protocolli scientifici europei e risulta sicuro per combattere il coronavirus.

“Abbiamo raggiunto questo traguardo grazie alla dedizione di scienziati, medici, e volontari della sperimentazione, nonché a molti esperti di tutti gli Stati membri dell’Ue”, ha dichiarato la direttrice esecutiva dell’Ema, Emer Cooke. “Possiamo garantire ai cittadini dell’Ue la sicurezza e l’efficacia di questo vaccino che soddisfa gli standard di qualità necessari”. Poi ha chiarito che verrà utilizzato “per prevenire Covid-19 nelle persone a partire dai 16 anni di età“, mentre per le donne incinte c’è bisogno di “più dati”. In serata è arrivato anche il via libera alla commercializzazione del farmaco da parte della Commissione europea: la presidente Ursula von der Leyen ha detto che il vaccino sarà a disposizione dal 27 dicembre. “È un ottimo modo per concludere questo anno difficile e per iniziare finalmente a voltare pagina” ha aggiunto von der Leyen.

A commentare il via libera anche il ministro della Salute Roberto Speranza: “Avere a disposizione un vaccino efficace e sicuro apre una fase nuova e ci da più forza e fiducia”, ha detto, ricordando però che la battaglia è ancora impegnativa.

La variante inglese

Riguardo ai timori emersi in queste ore sulla sua eventuale resistenza alla mutazione scovata in Regno Unito, Cooke ha spiegato che “al momento non ci sono indicazioni che il vaccino non funzionerà contro la variante” inglese. “Sarebbe preoccupante se avessimo mutazioni multiple, soprattutto sulla proteina spike“, ha aggiunto Marco Cavaleri, capo delle strategie vaccinali dell’Agenzia Ue. “Credo però che per costringerci ad aggiornare il vaccino con i nuovi ceppi il virus debba cambiare in modo sostanziale. Per ora non siamo preoccupati“.

L’approvazione “condizionata”

L’autorizzazione a Pfizer-Biontech giunge a poco più di una settimana dall’analoga decisione della controparte Usa dell’Ema ed è avvenuta in forma “condizionata“. Si tratta di una formula d’urgenza più volte utilizzata in passato e che permette di tagliare i tempi di approvazione senza però rinunciare alla sicurezza. La tabella di marcia iniziale prevedeva il semaforo verde entro il 29 dicembre e l’inizio della campagna vaccinale per metà gennaio. Le prime dosi del vaccino potranno essere somministrate in Europa già dal 27 dicembre, la data del V-day.

Prime dosi

La campagna di vaccinazione partirà in contemporanea nei 27 Paesi dell’Unione per suggellare in modo simbolico il risultato della lotta comune alla pandemia. Anche se la direttrice dell’Ema Cooke avverte: “Il vaccino da solo non sarà la ‘pallottola d’argento’ che ci permetterà di ritornare alla vita normale. Ma l’autorizzazione di questo primo vaccino è sicuramente un passo importante nella direzione giusta. Nel frattempo noi dobbiamo fare del nostro meglio per prevenire” Covid-19 “seguendo le indicazioni delle autorità sanitarie: indossare le mascherine, lavare le mani e mantenere le distanze“.

“Momento decisivo, ora agire in fretta”

Appena si è diffusa la notizia del via libera, tutte le cancellerie europee hanno espresso la loro soddisfazione. E nel tardo pomeriggio è arrivato il secondo via libera, quello della Commissione Ue. “Oggi aggiungiamo un capitolo importante alla nostra battaglia contro la Covid-19. Abbiamo deciso di rendere disponibile ai cittadini europei il primo vaccino contro la Covid-19: abbiamo dato l’autorizzazione condizionata alla commercializzazione al vaccino prodotto da BionTech e Pfizer“, ha annunciato la presidente Ursula von der Leyen. L’Ema, sottolinea von der Leyen, “ha esaminato a fondo il vaccino e ha concluso che è sicuro ed efficace contro la Covid-19. Sulla base di questa valutazione scientifica abbiamo proceduto ad autorizzarlo per il mercato dell’Ue. Come promesso, sarà disponibile ai Paesi Ue nello stesso momento e alle stesse condizioni. I primi colli verranno spediti dallo stabilimento di Pfizer qui in Belgio nei prossimi giorni”.

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *