Civeta, donna in lacrime: “i bambini che dovevano prendere il bus non potevano respirare”

Notizie

I rifiuti presenti nella terza vasca del Civeta, come abbiamo riportato, continuano a bruciare. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno cercato di limitare l’estensione dell’incendio.

Dalle 22 di ieri sera si è sviluppato un incendio nella terza vasca dell’impianto di raccolta dei rifiuti del Civeta in Valle Cena gestita dalla Cupello Ambiente. Vasca, tra l’altro, sotto sequestro dallo scorso 20 marzo.

Una situazione drammatica per i comuni limitrofi e, soprattutto, per il borgo di Monteodorisio che ha sta subendo gli effetti dell’incendio. “Stamattina i bambini che dovevano prendere il pulmino per andare a scuola e all’asilo tossivano continuamente. Non potevano respirare”. Poi lo sfogo: “avete messo al primo posto i soldi e non la nostra salute”.

Una questione preoccupante anche per l’alta incidenza dei malati di tumore: “Sono circa 150 i malati di tumore a Monteodorisio” spiega il consigliere comunale, Nicola Generoso. “Su 2600 abitanti, tolti i giovani da 0 a 25 anni l’incidenza dei malati è altissima” precisa Generoso. “In una sola settimana ci sono stati 5 nuovi casi” conclude il consigliere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *