Covid, in Gran Bretagna la prima persona vaccinata: Margaret Keenan

La Gran Bretagna avvia la vaccinazione di massa contro il coronavirus. Si tratta della 91enne Margaret Keenan.

È il più grande programma di vaccinazione che sia mai stato messo a punto dall’Nhs, il servizio sanitario pubblico completo sotto amministrazione governativa del Regno Unito. La Gran Bretagna è il primo Paese europeo ad avviare la campagna di vaccinazione. Il fine è quello di riuscire a immunizzare milioni di soggetti contro il Covid-19. La prima persona al mondo a essere sottoposta alla vaccinazione è una 90enne dell’Irlanda del Nord, Margaret Keenan, residente a Enniskillen.

Vaccinazione di massa in Gran Bretagna

L’anziana, che compirà 91 anni la prossima settimana, ha ricevuto il vaccino Pfizer-BionTech. Secondo i produttori il vaccino è efficace al 95%. Keenan ha ricevuto la sua dose questa mattina alle ore 6:31 locali, nell’Ospedale universitario di Coventry, nelle West Midlands, nel centro dell’Inghilterra. La vaccinazione di massa è ritenuta in questo momento l’arma migliore per sconfiggere la pandemia che da mesi sta colpendo l’intero pianeta. In totale il virus ha ucciso 1,5 milioni di persone e ne ha contagiate quasi 68 milioni.

Le dichiarazioni della donna

“Mi sento una privilegiata per essere la prima persona vaccinata contro il Covid-19, è il miglior regalo anticipato di compleanno che avrei potuto desiderare, perché significa che potrò finalmente trascorrere del tempo con la mia famiglia e gli amici nel nuovo anno dopo aver trascorso in solitudine gran parte del 2020”.

I prossimi vaccinati

Matt Hancock, ministro della Sanità, ha scritto in un tweet che tutte le regioni del Regno Unito hanno ricevuto parte delle 800mila dosi previste. Verranno somministrate ai soggetti più vulnerabili dalla società, partendo dagli over 80, dal personale sanitario e dalle case di cura. Il vaccino avrà bisogno di due dosi, e il primo lotto che è stato importato dal Belgio, dove viene prodotto il farmaco, servirà per immunizzare 400mila persone. Il governo inglese pensa di riuscire entro la fine dell’anno ad avere circa 4 milioni di dosi, sui 40 milioni prenotati. Le dosi devono essere conservate in frigoriferi con una temperatura di -75 gradi.

Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *