Covid, inchiesta Bergamo: "Il nesso eziologico c'è"
Covid, inchiesta Bergamo: "Il nesso eziologico c'è"
Spread the love

Da fonti vicine alla procura di Bergamo trapela che “Il nesso eziologico c’è”. I giudici stanno indagando sul focolaio di Covid che ha martoriato la Val Seriana.

Lo scorso 14 gennaio Andrea Crisanti ha depositato la perizia di 90 pagine e 10mila allegati che ricostruisce le prime fasi della pandemia da Covid. Come ricostruisce il Giornale, i magistrati gli avevano posto cinque quesiti per capire se le decisioni assunte, e le azioni intraprese, avessero favorito o meno il diffondersi del morbo. Dal documento appare un dettaglio di fondamentale importanza: ci sarebbe “il nesso eziologico” tra contagi, zona rossa, mancato aggiornamento e mancata applicazione del piano pandemico.

Per mesi Crisanti ha lavorato ad un documento di non facile stesura.

“È un unicum in Italia e in Europa”, aveva raccontato. Il microbiologo doveva valutare le condotte dell’ospedale di Alzano, cercando di stabilire se avessero favorito il contagio tra operatori e pazienti, contribuendo così ad allargare il focolaio in Val Seriana. Quindi stabilire se, “sulla base delle conoscenze disponibili”, fosse doveroso istituire o meno la zona rossa e quale impatto avrebbe avuto nel frenare la diffusione del morbo. Infine, aveva il compito di capire se fosse “esigibile l’applicazione del piano pandemico nazionale”, con tutti i risvolti politici ed epidemiologici del caso.

“Ho ricostruito passo a passo quanto accaduto e come queste vicende si sono intersecate con i piani pandemici esistenti”, aveva spiegato Crisanti.

L’Ansa aveva rivelato che nell’elaborato sarebbe contenuta l’ipotesi di un range tra le 2mila e le 4mila vittime che si sarebbero potute evitare serrando tempestivamente i confini della Bergamasca. Ciò che invece ancora non era emerso è se per Crisanti vi fosse correlazione tra quanto fatto (o non fatto) e la strage da coronavirus. La risposta starebbe proprio in quelle quattro parole: “Il nesso eziologico c’è”.

Gli avvisi di garanzia

Tuttavia, non è chiaro se e quando la procura spiccherà eventuali avvisi di garanzia. Gli occhi sono puntati sul ministero della Salute: Roberto Speranza e i vertici del dicastero sono già stati sentiti dai pm. Alcune fonti ipotizzano la chiusura delle indagini già a fine aprile, altre a giugno. Solo allora si saprà se il lavoro di Crisanti avrà ripercussioni penali. Di sicuro dovrebbe aiutare a ricostruire la storia di quanto successo a Bergamo. E forse potrebbe pesare sul procedimento civile incardinato al Tribunale di Roma in cui i familiari delle vittime della Bergamasca chiedono allo Stato il riconoscimento del danno subìto per la morte dei loro cari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Segnalaci la tua notizia