Immigrati su gommone in mare.

Immigrazione, per i giudici d’appello per la protezione umanitaria non basta la valutazione della loro integrazione.

Notizie

Sull’immigrazione arrivano ben tre sentenze che, specie per il quadro politico oltre che per quello giuridico, faranno la storia. La Corte di Cassazione, infatti, ha fatto chiarezza su alcuni dei punti in tema di immigrazione.

I tre casi sono stati sottoposti ai giudici dal Viminale che ha impugnato le sentenze delle corti d’appello, provenienti in due casi da Firenze ed in uno da Trieste. I tribunali avevano riconosciuto la protezione umanitaria ad alcuni migranti in base al loro livello di integrazione in Italia.




Le sentenze d’appello, in sostanza, hanno messo nero su bianco il fatto che è possibile concedere il riconoscimento della protezione umanitaria basandosi unicamente sul fatto che il migrante in questione appare già integrato in Italia.

Per la Cassazione le cose non stanno così

I giudici, accogliendo le ragioni del ministero dell’interno, hanno detto, invece, che il livello di integrazione nel nostro paese non può bastare per decidere se concedere o meno la protezione.

Immigrazione: i tre casi

Come riporta l’Agi, i due casi di Firenze riguardano rispettivamente un cittadino bengalese che ha ottenuto un’assunzione in Italia ed uno invece del Gambia, il quale secondo i giudici della corte d’appello fiorentina “studia e coltiva i suoi principali legami sociali nel nostro Paese, mentre in Gambia non ha rapporti familiari di rilievo”. Il terzo caso, ha invece per oggetto un altro cittadino gambiano. I giudici di Trieste gli hanno riconosciuto la protezione internazionale in quanto, per via della “situazione critica dovuta al disordine complessivo del Gambia e alle primitive strutture giudiziarie e carcerarie sotto il profilo della tutela dei diritti individuali”, potrebbe essere “sottoposto a procedimento penale ove fosse rientrato nel Paese di provenienza”.

I casi in appello

I giudici nelle loro sentenze, come riporta il Giornale, hanno condiviso l’orientamento secondo cui “non può essere riconosciuto al cittadino straniero – si legge – il diritto al permesso di soggiorno per motivi umanitari considerando, isolatamente e astrattamente, il suo livello di integrazione in Italia, né il diritto può essere affermato in considerazione del contesto di generale e non specifica compromissione dei diritti umani accertato in relazione al paese di provenienza”.

Per la Cassazione occorrono criteri oggettivi e riscontri certi prima di procedere al rilascio della protezione internazionale ad un determinato richiedente.  

Il commento di Salvini

L’ex ministro dell’interno è il primo a commentare le sentenze provenienti da piazza Cavour: “Sui permessi umanitari aveva ragione la Lega – ha affermato Salvini – L’ha stabilito la Corte di Cassazione. È la migliore risposta agli ultrà dei porti aperti e che vorrebbero cancellare i Decreti sicurezza. Peraltro la sentenza della Cassazione ha sostanzialmente smontato la tesi di Luciana Breggia, il magistrato presidente della sezione specializzata per l’immigrazione e la protezione internazionale del tribunale di Firenze.

Chi è la Breggia

Breggia è salita alla ribalta per le dichiarazioni contenute in un suo spettacolo in cui ha raccolto, nei mesi scorsi, alcuni aneddoti inerenti il suo lavoro. Ed in particolare, il magistrato ha dichiarato di aver agito in certi casi anche senza prove: “Era inserito in un contesto, parlava italiano, era vulnerabile – ha raccontato Luciana Breggia – Mi sono misurata con l’impossibilità di ricostruire la sua storia e gli ho dato il permesso umanitario”. Come dire, una particolare applicazione delle leggi sull’immigrazione.

Dunque, nessun criterio oggettivo di cui ha parlato la Cassazione, secondo il magistrato a volte nel suo lavoro occorre agire in base al “cuore”: “Un giudice ha una testa e un cuore, non è disincarnato”, ha infatti dichiarato, tra le altre cose, proprio Luciana Breggia.

La “linea anti salviniana” delle sentenze

Le sentenze della Cassazione hanno una parte non proprio favorevole alla linea salviniana sull’immigrazione. È stato sancito che le norme inerenti la cancellazione dei permessi per motivi umanitari non possono essere applicati ai casi antecedenti l’introduzione del decreto sicurezza voluto da Salvini.

Per quei casi, ha stabilito la Cassazione, si applicano le previsioni dei casi speciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *