Napolitano è stato rieletto presidente della Repubblica con 739 voti.

L’inciucio è finito. Alla settima votazione per il eleggere il nuovo presidente della Repubblica, la vecchia politica ha riaffidato l’incarico più alto delle istituzioni a Giorgio Napolitano. Grillo chiama a raccolta gli italiani in piazza:«Venite a milioni, qui si fa la democrazia o si muore». Gli fa eco Fico:«Questa è dittatura dei partiti, una partitocrazia che non vuole cedere e che oggi si è manifestata nel modo più evidente. Loro non hanno interesse per i cittadini, sono auto arroccati nei palazzi». Intanto anche Forza nuova raccoglie l’appello Di Grillo ad andare questa sera a Montecitorio per protestare contro la rielezione di Napolitano al Quirinale. Rodotà intanto dichiara:«Sono sempre stato contrario alle marce su Roma – e ringrazia – tutti quelli che pensano a me. Sono contento chi il mio nome parli alla sinistra italiana. Per quanto riguarda le ultime vicende, sono sempre stato convinto che le decisioni parlamentari possano e debbano essere discusse e criticate duramente, ma partendo dal presupposto che si muovono nell’ambito della legalità democratica». Gianni Chiodi sulla pagina facebook scrive:«Fa più luce un falò sulla spiaggia di un vulcano che sta per eruttare, ma è il secondo che devi guardare con più attenzione se non vuoi essere spazzato via». Marco Forconi, coordinatore regionale di Forza nuova raccoglie l’invito di Grillo e lancia l’appello dal social network:«Stiamo cercando di organizzare una o piu macchine per Montecitorio. Fra poco prenderemo una decisione.Contattarmi IMMEDIATAMENTE chi può e vuole aggregarsi. necessità di mettere macchina a disposizione». Qualcosa da questa sera cambierà. In Italia.






VOTAZIONE

 

GIORGIO NAPOLITANO        739

     STEFANO RODOTA’       217 

   SERGIO DE CAPRIO            8

      MASSIMO D’ALEMA         4

         ROMANO PRODI          2

 FRANCESCO GUCCINI           1  

   MICHELE PISACANE           1    

  SILVIO BERLUSCONI           1

    RENATO SCHIFANI           1

 


Di Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *