Agenzia delle Entrate

Ecco scadenze e tasse da pagare al tempo del Covid-19. Stop fino a giugno, poi pagamento in unica soluzione

Notizie

Anche il Fisco prende una pausa per via del coronavirus. Una tregua fiscale totale, ma fino a giugno. Stop, dunque, per milioni di versamenti, di cartelle, di avvisi e dichiarazioni. Ecco scadenze e tasse da pagare.

Arrivano i rimborsi

I rimborsi fiscali, ovvero decine di miliardi l’anno, arriveranno comunque. Chi farà il 730 in tempo riceverà i soldi entro i mesi di giugno-luglio. Sul versante dei pagamenti, sono invece congelati per partite Iva e imprese oltre 10 miliardi di euro che l’erario però chiederà a giugno in unica soluzione o a rate.

Il calendario

Il nuovo calendario fiscale che attende il contribuente italiano dopo il decreto “liquidità” e fisco di lunedì scorso è già chiaro. Via libera al 730 settembrino, ma possibile assicurarsi il rimborso entro luglio.  

La dichiarazione fatta in casa

Non servirà andare dal commercialista o al Caf a consegnare la delega per la dichiarazione precompilata. Basterà stamparla, firmarla e mandare la foto al professionista o, in alternativa, un video o un messaggio di posta elettronica. 

Stop ai versamenti

Ad aprile e maggio non si effettueranno versamenti. A sostegno delle attività di aziende e autonomi arriva una nuova sospensione delle tasse, che “congela” quasi 10 miliardi per due mesi. Previsto, inoltre, un nuovo stop ai versamenti di Iva e ritenute Irpef anche per aprile e maggio. Uno stop che sarà esteso a tutte le attività che abbiano subito perdite a marzo del 33%, entro il tetto dei 50 milioni di ricavi, o del 50%, sopra i 50 milioni. Ovviamente, si dovrà pagare a giugno in un’unica soluzione oppure in cinque rate.

Partite Iva, professionisti e autonomi 

Per i lavoratori autonomi, professionisti e/o artigiani è prevista una seconda proroga, di altri due mesi, dello stop al versamento delle ritenute per tutti i soggetti con giro d’affari entro i 400 mila euro. In sede di dichiarazione dei redditi si potrà versare acconti ridotti in base alle previsioni riscritte alla luce degli effetti negativi della pandemia.

Spunta il credito d’imposta

Nel nuovo decreto spuntano misure ad hoc per preparare le aziende alla “fase 2”, come l’estensione del credito d’imposta al 50% per la sanificazione degli ambienti di lavoro.

Riscossione ai tempi del coronavirus

Sospeso l’invio delle cartelle di pagamento e degli altri atti di riscossione per la durata dell’emergenza Coronavirus. L’Agenzia Entrate-Riscossione ha previsto la “sospensione dell’invio dei documenti sia attraverso l’ordinario canale postale, sia attraverso la posta elettronica certificata”.

 

Leggi anche: La grande “potenza del bluff” del governo Conte. Le banche a garanzia del gettito fiscale per lo Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *