Emittenti in tribunale

Notizie

Attesa per le sorti di San Silvestro

Domani, finalmente, dovrebbe avere inizio uno dei processi penali più attesi degli ultimi anni per numero di imputati e danni: quello riguardante le antenne di San Silvestro a Pescara. Le violazioni del codice penale riguardano gli articoli 110 e 674, in altre parole “concorso di persone” e “getto pericoloso di cose”.

Nel processo sono coinvolti i rappresentanti legali di un’infinità di emittenti televisive e radiofoniche. Tutti finiti sul banco degli imputati.  Tra le emittenti, ricordiamo: Rai Way S.p.A. , Radio California, Radio Parsifal, MTV Italia, Radio Kiss Kiss, Tv 6, Telecom Italia Media S.p.A., La 7,Tele A, Tv Capital, Radio Ketchup, Radio International, Radio Ciao, Rds, Canale5, Italia1, Rete4, e Radio Delta1.

Dalla relazione tecnica 2012 dell’Arta di Pescara si evince che il superamento dei limiti consentiti per legge continua, nonostante le numerosissime denunce da parte degli abitanti e di alcuni organi. La relazione è frutto di rilievi fatti in varie postazioni nell’area interessata e mediante l’uso di varie strumentazioni. I dati dei rilievi fatti, sia a banda larga sia a banda stretta, denunciano la violazione della legge 36 del 2001, che tutela la protezione delle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, e il DPCM del 2003 che fissa tali limiti di esposizione.

Gli effetti dell’esposizione a questo tipo di campi sono ormai noti da qualche tempo e compromettono in maniera seria lo stato di salute: le onde elettromagnetiche, proprio per la loro struttura fisica, sono in grado di penetrare tutti i tessuti; ossa, sangue, cervello e midollo spinale compresi. Provate a immaginare, dunque, l’impatto nocivo sui bambini in crescita.

In attesa dell’esito del processo, ci auguriamo che, come previsto e promesso dagli organi competenti, questo sito di antenne sarà delocalizzato al più presto.

Il termine ultimo previsto per la delocalizzazione pare sia il mese di Novembre. Aspettiamo fiduciosi.

 

 

I DOCUMENTI

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *